TransAnatolia 2017

link.png 449 equipaggi al via della Dakar 2013


Sono 449 gli equipaggi al via di questa Dakar: 183 moto, 38 quad, 153 auto e 75 camion. Il briefing di questa sera, organizzato al Club Regatta a pochi passi dal podio di partenza di Aqua Dulce è stato uno dei più belli di questi ultimi anni. Il club sportivo era stato tirato a lucido e il Perù ha davvero salutato in grande stile la partenza di questa gara che conta ben 53 nazionalità al via di questa "competencia" 2013.

Etienne Lavigne, direttore generale della Dakar, ha fatto un bellissimo discorso stasera, toccando argomenti interessanti e preziosi. Ha fatto osservare, Etienne, che circa 3000 persone si stanno preparando a partire da Lima e tutte insieme rappresentano ben 53 nazionalità. " A parte i giochi olimpici - ha detto Lavigne - è difficile trovare un evento sportivo che possa racchiudere in sè così tante nazioni diverse. Culture diverse e mondi diversi che nei prossimi giorni vivranno le stesse emozioni". Poi ha parlato di responsablità, che i concorrenti e tutti i partecipanti hanno nei confronti di loro stessi ma anche di tutte le persone che verranno a vedere la gara.

"Voi avete fatto di questo evento un monumento del mondo dello sport". Ha spaziato quindi sulla responsabilità delle persone, sulla sicurezza, sull'ambiente, di cui siamo tutti responsabili, un ambiente che dobbiamo rispettare sempre e comunque. " La Dakar è una leggenda - ha concluso - ed affinchè questa corsa continui a scrivere la storia vi chiedo di portare avanti i suoi valori", e ha chiuso chiedendo ai presenti un grande applauso per la repubblica del Perù che ci ha accolto con così grande sfarzo e professionalità. Poi si è parlato del percorso, insieme a David Castera, il direttore sportivo, delle tappe, dei 91 veicoli che affrontano la gara per la prima  volta, per un totale di 107 piloti debuttanti. Le nazioni più numerose sono la Francia, al primo posto, seguita dall'Olanda, dall'Argentina e dal Cile. Ben 232 piloti su 750 sono ispanici.

Il generale Abel Gamarra, responsabile della polizia nazionale, ha annunciato la presenza di ben 15 mila uomini in servizio in questi giorni in Perù e ha concluso con una frase toccante : "Che Dio sia il vostro copilota in questa gara internazionale".

Relativamente alla tappa di domani è stato aumentato il tempo di percorrenza del trasferimento di 30 minuti, segno che ci sarà tantissimo traffico perchè davvero il pubblico è arrivato da ogni parte del Sud America, e non solo, per assistere a questo evento.