TransAnatolia 2017

link.png Abu Dhabi Desert Challenge 2013, pronti al via


Abu DhabiCominceranno venerdì, 5 aprile, le verifiche amministrative e tecniche del secondo round della Coppa del Mondo FIA Rallyes Tout Terrain e della prima puntata, invece del campionato del mondo FIM, sempre di specialità. La tradizionale prova di Abu Dhabi vede iscritti ben 41 moto, 17 quad e una cinquantina di vetture. Domenica 7 si comincia con la prima prova speciale e si conclude giovedì 11. Quest'anno l'ADDC - Abu Dhabi Desert Challenge - vivrà la sua 23. edizione !

Il percorso 2013 prevede 1.987 km di cui 1.396 di prove speciali suddivise su  5 tappe. La partenza, nonchè l'arrivo avverranno nel circuito di Yas Marina, mentre la gara si correrà nella regione occidentale di Al Garbia, raggiungendoil già noto deserto di Liwa.

Cominciamo con il dare un'occhiata agli iscritti, tanto per capire chi saranno i protagonisti quest'anno del Campionato RCC FIM che appunto vedrà il suo inizio negli Emirati Arabi fra pochi giorni.

Nell'elenco degli iscritti figurano i nomi di Marc Coma - su Ktm - e dei due paladini della Husqvarna by Speedbrain (ma come dovremo chiamarla ora?), Paulo Goncalves e Joan Barreda. Il team è stato rinominato Monster Speedbrain RallyTeam. Poi ci sono le due Honda di Helder Rodriguez e Sam Sunderland, completamente ristabilito dal suo incidente di dicembre che gli aveva causato la doppia frattura del braccio. E poi c'è la prima sorpresa. Il team polacco di Kuba Przygonski ha deciso di far entrare, almeno per questa gara, qualcuno di nuovo - o quasi - in questa disciplina e non l'hanno cercato molto lontano. Hanno guardato chi già correva con una Ktm, ed era anche dello stesso Paese, cioè polacco. Aggiungiamo che ovviamente cercavano un bravo pilota, uno che il naso lo aveva già messo in questo mondo ed ecco il risultato: Teddy Blazusiak ! L'ex trialista, nonchè attuale endurista di spicco - grande specialista degli indoor - aveva corso lo scorso anno in Argentina al Desafio Litoral - come portacqua di Cyril Despres - e probabilmente non gli è dispiaciuto visto che ritorna con i colori appunto, del team Verva su una Ktm 450 Replica. Teddy, o Taddy come lo chiamano alcuni, ha vinto da pochi giorni il 4° titolo Mondiale Superenduro, battendo in Campionato David Knight per la bellezza di 32 punti...non noccioline.

Ma torniamo agli Emirati. Taddy a parte, ci saranno al via anche Pal Anders Ullevalseter (Ktm), Francisco Arredondo (Ktm) e uno dei beniamini di casa, il pilota del Dubai, Mohammed Al Balooshi. Se fra le moto non c'è un solo pilota italiano al via - a meno di sorprese dell'ultimo istante - nei quad possiamo contare sull'immancabile Camelia Liparoti anche se stavolta si è registrata come francese.

Passiamo alle auto. Non male neanche in questo caso il parco partenti, al momento su carta. Due le Mini X Raid Nanial via: Nani Roma e Krystof Holowczyc con i rispettivi copiloti. Poi c'è un bel malloppo di Toyota, del team Overdrive, e su tutte spicca, Lucio Alvarez, l'argentino. C'è poi il vincitore dell'anno scorso, Jean Louis Schlesser che ha recuperato in gran fretta la frattura riportata all'Italian Baja e riuscirà ad essere al via della seconda prova di Coppa del Mondo. Poi ci sono i due olandesi Ten Brinke e Van loon che proseguono la loro avventura con questi derivati della Mitubishi Lancer, loro auto precedente e con la quale hanno vinto anche in Marocco lo scorso anno. Ora la vettura conserva l'estetica esterna della Mitsu, più o meno, ma al suo interno monta un motore Mustang V8-5L e si chiama HRX Ford.

E chiudiamo in bellezza con gli italiani. Il team RalliArt ha iscritto Reinaldo Varela, con un Pajero T1, (a Pordenone aveva gareggiato con una Toyota della Overdrive) mentre il team Tecnosport ha portato il francese, residente in Marocco, Didier Vacher, copilotato da Roberto Di Persio, su Nissan VG 40E. Permettetemi una battuta, per questi due ultimi iscritti citati: speriamo che non vadano di nuovo via strada con la bisarca dell'anno scorso !!!! :-)