link.png Alex Zanotti, ora c'è la Romania


zanotti a sa itriaLa Romanian Baja partirà il 13 giugno e avrà una durata di due giorni, fino al 16 dello stesso mese e sarà valida per la Coppa del Mondo FIM Bajas, cominciata a marzo, all'Italian Baja di Pordenone. Sono sei le prove che la compongono, Italia appunto, Romania, Spagna, Ungheria, Marocco e Portogallo. Alex Zanotti sarà al via della prova in Romania, dopo un rodaggio e un buon allenamento in Sardegna.

Alex vogliamo tentare un bilancio di questo Sardegna Rally Race che in effetti non è andato proprio benissimo per te, a livello mondiale...

"In effetti no, eravamo partiti bene, sia nel prologo che nella prima giornata di gara e mi ero illuso che potessimo far bene, e invece già il secondo giorno sono cominciati i guai. C'è da dire però che noi non avevamo previsto di venire a questa gara in Sardegna, è stato un accordo dell'ultimissimo momento. Però è stato un bene perchè abbiamo potuto provare la moto che poi useremo in Romania".

Che cos'ha di diverso questa TM?

Innanzitutto è un 530, abbiamo deciso di creare questo prototipo con TM proprio per le Baja perchè è una moto "potente e va molto forte. Lo scorso anno ho vinto il titolo nella 450, quest'anno tentiamo l'assalto del titolo Over 450".

Che problemi hai avuto qui in Sardegna?

"Il primo giorno è andato tutto benissimo, eravamo davvero soddisfatti. Ma al momento del via del secondo giorno la moto non andava. Si accendeva ma appena davo gas, moriva. Così abbiamo smontato tutto, pezzo per pezzo per cercare di capire dove fosse il problema e poi ci siamo accorti che era il carburatore. Meglio qui comunque che in Romania. Se il problema si fosse manifestato lì avrei buttato via una gara".

E poi cos'altro ti è successo in gara?

"Il giorno dopo aver risolto il problema al carburatore sono rimasto senza benzina in prova speciale, a soli tre chilometri dall'arrivo e questo ha evidenziato un consumo anomalo: anche in questo caso meglio qui che in Romania. Il giorno dopo abbiamo montato un serbatoio più grande, con un paio di litri in più ed è andato tutto bene. Poi però negli ultimi giorni partivo indietro e ho trovato tantissima polvere davanti a me e non ho voluto rischiare, non aveva senso per me che ormai a livello di classifica non avevo nulla da conquistare. E poi la moto è molto potente e in questi sterrati sardi, stretti, sinuosi, era troppo rischioso".

E alla Dakar con cosa parteciperai invece ?

"Con una moto nuova, completamente nuova. Una 450 sulla quale TM sta già lavorando: la porteremo al debutto in Marocco, alla Baja di ottobre".