TransAnatolia 2017

link.png L'edizione più bella del Sardegna Rally Race


Anche se sono stanchi, anche se sono distrutti, specie dall'ultima lunga tappa, i pioti sono tutti d'accordo. E' stata una gran bella edizione. Un percorso stupendo, molto vario, impegnativo e selettivo, ma vero, vissuto fino in fondo, al punto che pur soffrendo in molti hanno detto che dovevano arrivare in fondo a tutti i costi.

 


Sono in molti a dire che il road book era perfetto, ma Giulio Fantoni si schernisce, "non esiste il road book perfetto" dice con la sua solita aria riservata, ma invece è vero, lo dice anche Pedrero, ottimo terzo con la sua Beta: "Guardi il road book e lo segui alla lettera, se ti dice che devi girare dopo 51 chilometri, sono esattamente 51, e non cinquanta e mezzo, ed anche se c'è una nota che gli somiglia, non devi cadere in tentazione, ma fare esattamente quello che dice il road book".

Quindi sono tutti contenti, da Enzo Campione che ha 63 anni - come il numero sulla sua moto - ed è arrivato al termine, ben felice di aver concluso anche questa avventura, a tanti altri piloti, come Stefano Turchi che ha ripreso ad andare in moto dopo l'incidente all'Africa Race. E poi ci sono i camponi italiani, quelli che hanno portato a casa il titolo italiano Raid TT, a cominciare da Andrea Mancini, che ha vinto categoria e assoluta, a Paolo Pettinari e Luca Vecchi che hanno conquistato rispettivamente la RT1 ed RT3. E poi le ragazze, bravissime, Serena Ghione e Paola Riverditi, eccezionali: 30. assoluta Serena (Ktm) nel mondiale e 31. Paola (Gas Gas).

E' contentissimo, anche se stanco, Guido Fedeli, 21 anni compiuti due giorni fa, campione nella classe Junior e 14° assoluto: una prestazione eccezionale che grazie alla collaborazione di NPO lo porterà ad ottobre a correre in Marocco con l'iscrizione messa in palio direttamente dalla società francese.

Ora si corre per arrivare in tempo ad Olbia, o ad Alghero, per recuperare aerei e traghetti, ma nel pomeriggio ci sarà tutto il tempo per raccontare tante e tante altre storie del Sardegna Rally Race 2013.