KRKA 2018

link.png Peterhansel vince la Romanian Baja 2013


Le classifiche stanno per essere esposte e noi aspettiamo tutti le premiazioni, ma nel frattempo abbiamo la certezza della vittoria di Stephane Peterhansel. Il francese, undici volte vincitore della Dakar, sei in moto e cinque in auto, ha conquistato questa Romanian Baja in sella ad una Yamaha YZF 450 precedendo sul traguardo Alessandro Ruoso, su Yamaha anche lui. Migliore degli italiani e quarto assoluto, nonchè vincitore della Over 450, Gaetano De Filippo, al debutto su TM.

Quando chiedo a Stephane a quando risale la sua ultima vittoria di una gara in moto fa la faccia offesa. "Ma ti sembrano domande da fare ? - scherza - non sei per niente simpatica". E allora comincia a fare i conti, va indietro nel tempo e poi dice "Non è poi così tanto tempo sai, ho vinta una gara in Marocco, nel 2011" e quando vede la mia perplessità perchè non riesco a ricordare questa vittoria aggiunge "Ma era una gara piccola, una cosa fra amici, un trofeo...Però avevo vinto".

Si ride e si scherza, forse anche per cercare di dimenticare la brutta avventura di stamattina che il campione francese non esita a definire la più brutta della sua vita. Pochi minuti prima il responsabile dei track, i gps cioè, che seguono i piloti durante la gara e segnalano le loro posizioni, gli aveva proposto di fargli vedere quanto accaduto sul computer, ma Stephane dopo averci pensato su per qualche secondo gli aveva risposto che no, non gli interessava rivederlo. Preferiva piuttosto dimenticare quanto accaduto.

La vittoria comunque è stata bella, combattuta contro un Alessandro Ruoso che qua in Romania aveva tutte le intenzioni di bissare il successo dell'Italian Baja e non c'è riuscito per un solo minuto e sei secondi. C'è un po' di polemica ovviamente intorno a questi tempi per colpa del pilota del quad numero 70 al quale, nella seconda lunga speciale di oggi era stato chiesto di ripartire terzo, con la sua posizione di partenza di stamattina, visto che aveva tagliato il percorso della prima ps, ma lui si è rifiutato e quindi Alessandro ha corso nella polvere del quad per tutta la seconda ps di oggi. In compenso Alessandro è stato capace di una vera impresa perchè nell'ultimissima speciale della gara, di nuovo quella da 7 chilometri attorno all'aeroporto, pur cadendo è riuscito a fermare i cronometri sui 4'59", un tempo incredibile, davvero. Lui ci ha provato, si è giocato il tutto per tutto cercando di recuperare il distacco, ma non è bastato.

Il terzo posto va al quad numero 50, Kamil Wisniewski, pilota polacco che ha chiuso con un distacco dal primo di 49'15". Al quarto posto c'è un bravissimo Gaetano De Filippo, staccato di 1h.03'06" dal primo, vincitore della Over 450 e primo italiano al traguardo, ed è un risultato splendido, prima di tutto per Gaetano e poi per tutta la squadra TM visto che il casertano era al suo debutto su questa 530. Alex Zanotti è nono assoluto, secondo di classe e secondo italiano e riesce a mantenere la testa della classifica di Coppa del Mondo Baja per la Over 450.