KRKA 2018

link.png Aspettando il prologo, la storia di Isabel e Diego


Isabel e DiegoMentre aspettiamo la partenza del prologo, che avverrà in senso inverso per le moto, che significa i top riders alla fine, il sindaco di Teruel ci racconta una bellissima storia che nulla ha da invidiare a quella più conosciuta di Giulietta e Romeo. La storia di Isabel e Diego che ha fatto sì che la città di Teruel oltre che essere conosciuta come  città del prosciutto, sia conosciuta anche come la città degli amanti.

Nel tredicesimo secolo, a Teruel vivevano due giovani. Lei si chiamava Isabel ed era la figlia di una famiglia locale molto ricca, i Segura, e lui era Diego che purtroppo, non era ricco per niente. I due si amavano ma il loro amore, essendo così diverso il livello delle loro famiglie, era assolutamente impossibile. Così venne concessa a Diego la possibilità di fare fortuna - accumulare soldi, farsi un nome, magari un titolo - e gli venne proposto di partire per le crociate dove avrebbe potuto accumulare un gruzzolo tale da permettegli di sposare, al suo ritorno, Isabel la quale, da parte sua, avrebbe aspettato il ritorno del suo amato, esattamente per cinque anni.

Precisamente il giorno prima del termine del periodo dei cinque anni i genitori di Isabel le dissero che Diego era morto in una battaglia e che quindi non sarebbe più tornato, e le chiesero di sposare un ricco possidente locale. Isabel, convinta che il suo amato fosse morto, accettò di sposarsi e così fece, nel giro di pochi giorni.

Diego saputa la notizia tornò in fretta e in furia (la storia non specifica se nel frattempo lui fosse diventato ricco) e con un espediente riuscì ad incontrare da solo Isabel. Le chiese un bacio, semplicemente un bacio, nulla di più, in ricordo del loro grande amore, ma lei, donna virtuosa glielo rifiutò, dicendogli che era una donna sposata e che non poteva.

Quasi sul colpo - forse appunto per un infarto -  Diego morì (la leggenda narra che morì per amore) e al suo funerale Isabel, distrutta dal dolore, si avvicinò al corpo esposto del suo amato e e decise di dargli il bacio che gli aveva negato pochi giorni prima. Ma purtroppo questa non è una favola e Diego non riaprì gli occhi, al contrario...isabel dopo averlo baciato morì, quasi sul colpo, proprio sul corpo dell'nnamorato. Ed anche in questo caso la leggenda parla di una morte per amore. Le due famiglie a quel punto stabilirono che i due venissero seppelliti insieme, ed oggi la loro tomba, è meta di pellegrinaggio di tantissime coppie a San Pedro. Nonostante tutte le vicissitudini la leggenda dice che Diego ed Isabel hanno raggiunto il loro obiettivo, e cioè restare per sempre uniti.

"Questa non è una favola - mi dice il sindaco sorridendo - questa è una tragedia". Ma su questa tragedia Teruel fonda una delle ragioni principali del suo turismo  e ora stanno pensando di trovare un punto di incontro con Verona. "Sappiamo che Romeo e Giulietta sono molto più famosi dei nostri Diego ed Isabel però stiamo cercando di creare un contatto con Verona, per vedere se magari, nel futuro, potremo collaborare insieme ad un progetto". Al momento è tutto in embrione, si tratta semplicemente di un'idea che la Fondazione Bodas de Isabel de Segura sta portando avanti. E la storia è talmente bella che spero Verona possa trovare il modo di inventarsi qualcosa insieme a Teruel. Una bella cittadina medievale nel centro sud della Spagna che nel 1986 è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco per alcuni suoi bellissimi monumenti come : la torre della cattedrale e quelle di San Salvador, San Martín e San Pedro.