TransAnatolia 2017

link.png Peterhansel amministra la tappa marathon


Primo piano peterAnche le auto e i camion hanno vissuto la loro tappa marathon fra ieri e oggi. La stessa dei loro colleghi in moto ed il più veloce ieri è stato Stephane Peterhansel che insieme a Polo Cottret sulla Mini All 4 Racing in versione Dakar 2014, ha vinto la prima parte della tappa.

Peterhansel vince la prima fetta di marathon cercando di non compromettere nulla sul suo mezzo. Quindi uno stile di guida prudente, veloce, ma senza prendere rischi visto che ieri sera non c'era assistenza alla fine della speciale ed oggi ci sono ancora un bel po' di chilometri da fare. 30 minuti è tutto quello che è stato concesso ai piloti al di fuori del parco chiuso per sistemare i propri mezzi, ovviamente da soli, prima di ributtarsi sul terreno di gara.

KolbergAlle spalle dei francesi rinviene bene Guilherme Spinelli che ieri è riuscito a portare a termine una prima speciale senza alcun problema e per questo si aggiudica la piazza alle spalle di 'Peter' con un ritardo di soli 7 minuti. Nella generale però il brasiliano con la sua Mitsubishi è ancora abbastanza arretrato visto che occupa la sesta posizione, ma questo rally per lui si sta rivelando fondamentale per testare il suo nuovo ASX in vista della Dakar 2014. Secondo in generale invece, al momento, è Klever Kolberg (nella foto accanto)con il suo T Rex arancione che ieri non è andato oltre la terza posizione nella classifica di giornata. 

Anche loro sono pronti a ripartire stamattina per quella che è la sesta tappa del Sertoes 2013: la speciale si preannuncia come la più veloce di tutta la gara, segno che l'organizzazione è stata buona. Rapida e sinuosa nella prima parte alternerà lunghi rettilinei ad un po' di sabbia che si ritroverà nella parte del rifornimento moto. Infine montagna, si sale con strade strette e tortuose e poi si scende giù, fino a Palmas.