TransAnatolia 2017

link.png I risultati 2013 di RalliArt OffRoad Italia


RalliArtLa squadra italiana vince la classifica T2 alla Baja Portalegre con Elvis Borsoi, che si conferma pilota competitivo a livelli mondiali, e conclude la Coppa Mondiale con 5 vittorie, sempre in T2, su 5 competizioni Baja disputate. Ralliart piazza nella classifica mondiale 3 vetture nei primi 4 posti ma a causa di uno “stregato incidente” non conquista il Titolo, nonostante la vittoria di tutte le gare.

Dall'ufficio stampa riceviamo e volentieri publichiamo :

"La Coppa del Mondo FIA Cross Country Rallies 2013 si è conclusa con la Baja Portalegre, dove RalliArt Off Road Italy ha sferrato un altro attacco vincente, conquistando la vetta della classifica T2 con il pilota Elvis Borsoi, navigato da Stefano Rossi.

La vittoria in Portogallo si va ad aggiungere con gli altri numerosi successi ottenuti dal team durante tutta la stagione 2013, in cui le vetture T2 RalliArt hanno vinto tutte le gare Baja presenti in calendario, sommando abbastanza punti per vincere il Titolo Mondiale Team, che però, a causa di posizioni della CSAI, non condivise, riguardanti le licenze, anche quest’anno non è stato attribuito alla squadra italiana.Protagonisti indiscussi della stagione 2013 della Coppa del Mondo Cross Country sono stati i due equipaggi RalliArt formati da Ròmulo Branco, navigato da João Serôdio, e Marcos Moraes con il navigatore Eduardo Du Sach. Gli angolani-portoghesi e i brasiliani si sono alternati in vetta alla classifica T2 a colpi di vittorie e podi sui diversi e ardui tracciati mondiali, mostrando ogni volta la propria bravura alla guida, velocità, precisione e concentrazione, ben assistiti dai performanti ed affidabili mezzi del team. L’incidente in Portogallo, in cui ben 4 vetture RalliArt hanno colpito inspiegabilmente lo stesso albero posizionato in una curva del percorso, quasi fosse stata una “maledizione”, ha rovinato la gara di entrambi gli equipaggi che per un soffio hanno perso la vetta della classifica T2 2013, ottenuta dal russo Alexander Baranenko che, nonostante non abbia particolarmente brillato durante la stagione, ha conquistato molti punti con la vittoria in Qatar, dove il punteggio è stato considerato doppio secondo il regolamento di gara. Al secondo posto si è posizionato Branco, vincitore in Spagna e in Ungheria, al terzo Moraes, che ha conquistato la vittoria all’Italian Baja e in Polonia, ed al quarto Elvis Borsoi.

Ed il vero Re del Portogallo è stato proprio Borsoi, pilota italiano di grande esperienza che ha sempre raggiunto le prime posizioni in ogni gara affrontata durante la stagione e che si è quindi guadagnato di diritto il posto tra i migliori piloti cross-country a livello mondiale, con grande potenziale di vittoria per il prossimo campionato. Con il Mitsubishi Pajero T2 RalliArt, Borsoi, navigato da Stefano Rossi, ha effettuato una gara costante e veloce fino alla vittoria finale, nonostante il tracciato arduo e selettivo, a tratti particolarmente scivoloso, e lo scontro con il solito albero che ha fermato Moraes e Trivini e rallentato la gara di Branco.

Un’ottima performance anche quella di Carmine Salvi, navigato dal fratello Lucio Salvi, che è rimasto tra i primi in classifica in ogni settore della Baja Portalegre. Peccato per una doppia foratura alle gomme che ha fatto perdere il podio all’equipaggio aquilano, arrivando comunque 4° in classifica finale. La stagione 2013 dei fratelli Salvi è stata ricca di buoni piazzamenti, sempre nelle prime posizioni T2 nonostante i diversi tracciati affrontati e l’elevata concorrenza internazionale, dimostrando una straordinaria bravura e concentrazione alla guida del Pajero Mitsubishi.

Alla sua prima esperienza con il T2, in Portogallo si è fatto notare anche l’esperto pilota Riccardo Colombo, in coppia con Rudy Briani, che negli ultimi anni ha disputato alcune competizioni mondiali a bordo del L200 T1. Colombo ha mostrato la sua indiscussa bravura anche con il Pajero T2, guadagnando posizioni in ogni settore selettivo. Nonostante nella prima prova di 200 km l’equipaggio, con un gesto encomiabile a livello sportivo, abbia perso tempo prezioso per soccorrere un’altra vettura del team che si era scontrata con un albero, Colombo ha saputo ben recuperare nella seconda prova in cui ha conquistato la 3° posizione, ottenendo il 6° posto finale.

Dopo il buon piazzamento in Ungheria, l’equipaggio formato da Alessandro e Paolo Trivini Bellini ha affrontato il Portogallo con una bella performance iniziale, che si è purtroppo conclusa prima della fine a causa dello scontro con l’albero ormai rinominato della “malasorte”, nel quale Paolo Trivini si è rotto una vertebra ed ha quindi dovuto lasciare la gara.

Alla sua prima competizione con il team, il portoghese Lucas Moraes, navigato da Alberto Neto, ha subito dato prova di grande potenzialità ed esperienza, nonostante la sua giovane età. In gara con il Pajero T1 ha ottenuto un ottimo 6° tempo assoluto nella seconda prova, dimostrando il potenziale del mezzo T1 RalliArt.

Il team RalliArt Off Road Italy si prepara adesso per la prossima stagione della Coppa del Mondo FIA Cross Country Rallies, che sarà formata da ben 10 competizioni in quanto all’Italian Baja, l’Abu Dhabi Desert Challenge, il Sea Line Cross Country, la Baja Espana, l’Hungarian Baja, la Baja Poland, il Rally dei Faraoni e la Baja Portalegre, si aggiungeranno la gara in Russia e quella in Marocco.

Inoltre, il team RalliArt potrebbe disputare il Campionato Italiano composto da 6 gare, nel caso ci sia da parte della CSAI una chiara e corretta regolamentazione ed un’equilibrata promozione dei partecipanti.

Quello che è certo è che la squadra schiererà vetture sempre più veloci, affidabili e competitive a livello mondiale, appositamente preparate con elaborazioni mirate per ogni categoria FIA, oltre a fornire ai piloti un servizio di assistenza efficace ed efficiente, con camion T4 e T5 allestiti con un'attrezzatura completa per agire velocemente di fronte a qualsiasi tipo di necessità".