TransAnatolia 2017

link.png Botturi sbaraglia il Motorally


Botturi ScarlinoAlessandro Botturi, attuale campione in carica del Motorally, ha sbaragliato tutti gli avversari - ben 215 iscritti - alla prima prova di Motorally, ieri a Scarlino, in provincia di Grosseto. Una bella battaglia combattuta senza stress ma con grande concentrazione dal campione di Lumezzane che porta a casa i primi punti per il Campionato italiano di specialità.

Non poteva cominciare meglio la stagione per il CF Racing di Fabrizio Carcano. Il campione italiano Alessandro Botturi ha vinto la prima prova del Campionato Italiano Motorally, in sella alla Husqvarna FE 450, a Scarlino, in provincia di Grosseto. Il  paddock dei 215 piloti iscritti alla prima prova del 2014 è stato allestito a pochi passi dal porto turistico, affacciato sul Tirreno, in una giornata bellissima che ha caratterizzato un terreno di gara a tratti fangoso, nonché ricco di sassi, profonde caregge e numerosi tagliafuoco.
Una ventosa giornata primaverile che Botturi ha saputo interpretare al meglio, vincendo le due prove speciali di 34 e 27 chilometri – ricavate all'interno di un percorso complessivo di 178 chilometri divisi in due anelli, da 94 km il primo e 84 il secondo– nel primo caso su Luca Vecchi e nel secondo su Glauco Ciarpaglini. 'Bottu' trionfa nella prima sfida dell'anno con un distacco di 24”84 sul toscano Ciarpaglini e conferma che il numero 1 sulla sua tabella è quanto mai realistico. “Le speciali erano navigate ma partire davanti a tutti con il numero uno mi ha aiutato. Nella prima ps non ho commesso errori e ho tenuto un ritmo tranquillo – ha ammesso a fine gara il pilota di Lumezzane – mentre nella seconda prova ho sbagliato, proprio all'inizio e sono dovuto tornare indietro di circa 150 metri. Questo mi ha dato una scossa e da lì ho alzato un po' il ritmo e sono riuscito a vincere anche la seconda speciale”.
Luigi Martellozzo, in sella alla Husqvarna FE 250 ha faticato più del compagno di squadra a trovare il suo ritmo in gara. Nella prima prova Luigi non si è trovato a suo agio con il freno anteriore e nel cercare di dosarlo al meglio ha commesso qualche errore di troppo che ha saputo però rimediare nella seconda speciale. Finisce la sua prima gara 2014 con un quarto posto di classe, ad un soffio dal podio. La stessa classe di Martellozzo è stata vinta da uno strepitoso Mauro Uslenghi in sella alla TE 250, mattatore del Team B CF Racing Husqvarna: il pilota 'portatore d'acqua' per la squadra A sta vivendo, nel motorally come nell'enduro, una seconda giovinezza e questa vittoria alla prima uscita nel Campionato la dice lunga sul suo stato di forma attuale. Il prossimo impegno del Motorally sarà a fine marzo, all'Isola d'Elba, con un doppio appuntamento.