link.png Al Attiyah fa poker e Coma torna in testa


Nasser Mini QatarAltri 404 chilometri di speciale oggi e di nuovo le moto cambiano leader della classifica assoluta mentre Nasser Al Attiyah (Mini X Raid) fa sua anche la quarta tappa del Sealine Cross Country Rally 2014 in Qatar ed ora il suo vantaggio sul secondo in classifica supera l'ora.

Ad una sola tappa dalla fine il Sealine Cross Country Rally 2014 continua a fare classifica, nel senso che nuovamente oggi la graduatoria riserva dei colpi di scena. Che vengono soprattutto dalle moto visto che è qui che si giocano le posizioni, sul filo dei secondi. Il più veloce della giornata è stato il pilota Honda, Paulo Goncalves che ha vinto la sua seconda tappa della gara anche se in realtà la sfida per la vittoria si gioca fra il suo compagno di squadra, Joan Barreda e il pilota Ktm, Marc Coma che è attualmente in testa alla gara con 41" di vantaggio. Domani mattina lo spagnolo, oggi quarto davanti a Barreda e dietro a Goncalves, Viladoms e Rodrigues, parte davanti a Barreda di  due minuti e non sarà per niente facile per lui gestire il vantaggio, specie in una gara, questo Sealine, che veramente basa il tutto per tutto, sulla navigazione.

Come ha ammesso oggi il polacco della Mini X Raid, Holowczyc che ha detto "questo è un rally per i copiloti, non per i piloti. Puoi guidare forte tutto il giorno, poi ti basta un errore di navigazione e perdi tutto il vantaggio che avevi accumulato". Oggi è successo a lui che ha praticamente fatto strada per quasi tutta la speciale fino a che, al Cp 5 si è perso, e a quel punto ha gettato al vento tutte le sue speranze di vincere almeno una speciale. Ha chiuso in terza posizione questa quarta tappa, alle spalle del 'compagno' di squadra, Nasser Al Attiyah e del duo polacco della Toyota Overdrive, Marek Dabrowski e Jacek Czachor. Già, i due ex motociclisti si sono finalmente messi in luce oggi, anche se in realtà, dopo il capotamento della prima tappa, avevano riconquistato, lentamente, posizioni su posizioni. Secondi oggi a 10' dal vincitore della tappa, i due si assestano in classifica assoluta in quarta posizione ma conoscendoli, sappiamo già che domani attaccheranno a più non posso il russo Vasilyev su Mini che si trova in terza posizione a soli 3'55". Marek cerca a tutti i costi il podio e se non commetterà errori sulle sabbie del Qatar potrà forse davvero ambire almeno al terzo gradino. In seconda posizione assoluta, in Qatar, c'è l'altro equipaggio polacco della Toyota Overdrive, con il pilota Adam Malysz che se è vero che ha un'ora e qualche minuto di svantaggio da Al Attiyah, è vero anche che può contare solo su 5'20" di vantaggio sul russo della Mini e quindi dovrà guardarsi le spalle per tutto il tempo.

Tolti Coma e Barreda dalla classifica, con le prime due posizioni, consideriamo gli altri a cominciare da Jordi Viladoms che è terzo ma con un distacco che non è poi così spaventoso: il pilota Ktm infatti, ha solo 1'52" di ritardo dal leader e sul collo si sente l'alito di Paulo Goncalves che rispetto allo spagnolo ha un distacco di 17". Se domani ognuno riuscirà a fare la sua gara, senza farsi seguire - facile a dirsi, impossibile da realizzarsi - davvero la navigazione potrebbe riservare qualche sorpresa.

Nei quad Abu Issa è sempre primo nella classifica assoluta anche se oggi la vittoria di tappa è andata a Rafal Sonik sul suo Honda TRX 700.

Domani ultima tappa del Sealine Cross Country Rally: 369 chilometri complessivi, con una prova speciale da 362...c'è poco da scherzare, dunque.