TransAnatolia 2017

link.png Baja Poland giornata ricca di colpi di scena


Przygonski, Ruoso e Zanotti sono stati protagonisti nella buona e nella cattiva sorte di questa prima tappa della Baja Poland 2014. Fra le auto dominio del padrone di casa, Holowczyc e problemi invece nella seconda ps per Nasser Al Attiyah. La battaglia fra Mini X Raid e Toyota Overdrive continua.

Stamattina per le moto la giornata è cominciata presto, ma nella prima speciale tutti i top rider hanno avuto problemi. Un rallentamento per il padrone di casa Kuba Przygonski per una perdita di benzina alla sua Ktm con conseguente quarta posizione a 13 minuti e mezzo dal primo, il monegasco Marè, ma problemi ben più seri per Alex Zanotti che racconta così quando accaduto, dopo essere rientrato al paddock : "Stavo correndo nella prima speciale quando dopo 56 chilometri ho cominciato a sentire la moto che non andava, girava male. Così mi sono fermato, ho controllato e mi sono accorto che avevo perso tutto l'olio della mia TM dal tubo di sfiato del motore. A quel punto ho capito che non c'era più nulla da fare e mi sono fermato. Mi hanno recuperato dopo quasi 4 ore e una volta arrivato al bivacco mi hanno sostituito il motore. Domani ripartirò perchè qui in Polonia a lottare per il mondiale siamo in pochi e quindi, anche se arriverò ultimo, potrò contare su un po' di punticini". Problemi alla prima speciale anche per Alessandro Ruoso che quando è arrivato al rifornimento non ha visto il suo meccanico con la benzina e quindi ha proseguito senza fare rifornimento. Il risultato è stato che poi il friulano è rimasto senza benzina e ha preso, nella prima ps di oggi una forfettaria di 6 ore. Ripartito poi per la seconda ps Ruoso ha chiuso in terza posizione ale spalle di Kuba che ha vinto la ps e Adrien Marè secondo.

Nella classifica generale delle due ruote al momento c'è in testa Adrien Marè con un vantaggio su Przygonski di 3'52" mentre Ruoso è settimo staccato di quasi 4 ore dal primo. 

Fra le auto la giornara finisce con la Mini di Holowczyc davanti a tutti, anche se il polacco questa mattina aveva lamentato qualche problema alla frizione. Il pilota della Mini ha vinto la prima frazione cronometrata con un tempo di 2h.10'05" rifilando ad Al Attiyah 1'57" mentre alle spalle del qatariano chiudevano altre due Toyota, quella di Malysz e Dabrowski. Vasilyev era settimo proprio davanti al sorprendente Taddy Blazusiak, ottavo nella prima speciale a 10'44" dal primo. Si ripartiva per la seconda speciale e Nasser Al Attiyah forava trovandosi costretto a cambiare la ruota in speciale e Holowczyc vinceva nuovamente, con un 2h.11'35", precedendo sul traguardo la Toyota di Malysz. Sesto tempo per Dabrowski, mentre degli altri non si hanno notizie certe al momento ma in classifica mancano all'appello Al Attiyah e Blazusiak.

Domani seconda ed ultima tappa con una prova speciale da ripetere due volte: la prima moto lascerà il paddock alle 7,45 e entrerà nella prova speciale di 72 km alle 8,30 e poi una seconda volta alle 13.15. La prima auto invece uscirà dal paddock alle 9,25 per entrare nella prima ps alle 10.10 e poi nuovamente alle 14.