TransAnatolia 2017

link.png Transanatolia 2014: prima giornata di riscaldamento


Botturi TRansanatoliaLa quinta edizione del Transanatolia è entrata nel vivo quest'oggi con la prima giornata passata attraverso verifiche, trasferimenti, ed una prova speciale spettacolo non valida ai fini della classifica. Alessandro Botturi è stato il più veloce della classifica delle due ruote.

 


Stamattina alle nove gli iscritti all'edizione 2014 del Transanatolia hanno affrontato le verifiche amministrative al grande hotel Bilkent di Ankara. Una volte terminato il controllo dei documenti i piloti si sono trasferiti a 35 chilometri di distanza per le verifiche tecniche che si sono svolte sotto un gazebo nel parcheggio di un gigantesco centro commerciale. In molti si sono persi per raggiungere questo centro e hanno girovagato per le grandi strade di Ankara, e Mirco Miotto e Ladis Dalle Mule non sono proprio mai arrivati alle verifiche tecniche, o meglio, quando finalmente hanno trovato il posto, i commissari se n'erano andati.

Nel frattempo, dopo essere ritornati in hotel, i piloti hanno raggiunto la zona in cui si correva questa super speciale, all'interno di un parco divertimenti in costruzione che risponde al nome di Anka Park. Un tracciato sassoso e polveroso di circa 6 chilometri da percorrere due volte: questa la prima speciale di questo 2014. Le moto sono partite in ordine inverso, quindi per prima la numero 23 di Alberto Bertoldi e poi via via tutte le altre 20 (in totale sono 21 i piloti presenti). Fra polvere e sassi la speciale è stata vinta da Alessandro Botturi che ha letteralmente volato sul percorso fermando i cronometri sui 12'09" e rifilando al secondo, Ivano Zaccheo, un minuto e 10 secondi. Terza posizione per Emanuele Piva staccato di soli 3" da Zaccheo. Tredicesima posizione per la spagnola Rosa Romero, unica presenza femminile nella gara delle 2 ruote, su Ktm.

Fra le auto, 23 al via contando anche l'Unimog di Marino Mutti, vittoria del piccolo Predator che ha girato in 13'40" dando la vittoria a Becce-Baris. Ottimo l'undicesimo tempo assoluto di Mutti con il suo camion.

Mirco Miotto e Ladis Dalle Mule sono arrivati alla speciale quando già le auto stavano girando. I commissari hanno verificato le loro moto sul posto ed in questo modo i due sono potuti partire per la prova speciale, dietro l'Unimog.

Stasera al briefing Paolo Ceci ha spiegato come la tappa di domani, la prima, sia forse una delle più complicate dell'intero rally. La prima moto lascerà l'hotel alle 8 per affrontare un primo trasferimento di 116 chilometri fino a Sekerkoy. Da lì il via a quella che sarà la speciale più lunga dell'intero Transanatolia 2014: 150 chilometri e poi un trasferimento di circa 50 km che porterà i piloti alla seconda speciale della tappa. Come ha detto Ceci - che ha disegnato il road book - non bisogna lasciarsi ingannare dalla lunghezza della seconda ps, solo 26 chilometri, perchè in realtà è piena di insidie ma soprattutto i piloti quando vi entreranno saranno già abbastanza stanchi viste le difficoltà della prima ps. L'arrivo domani sera sarà al bivacco di Acigol dopo una tappa di 387,86 km.