KRKA 2018

link.png Aubert e Philippaerts al Merzouga Rally


aubert betaMentre gli echi delle ultime due prove degli Assoluti d'Enduro a Edolo si stanno spegnendo, insieme ai festeggiamenti per i titoli conquistati, cominciamo a parlare con Jarno Boano di Dakar 2015, a cui purtroppo non andrà la sua squadra, ma anche e soprattutto di Merzouga 2014. Per la prima volta Deny Philippaerts affronterà un rally raid, con tanto di navigazione, e al suo fianco ci sarà niente meno che... Johnny Aubert !

Se si sfoglia la lista iscritti del Merzouga Rally il nome Boano Racing si ripete per un sacco di volte. Esattamente otto come spiega lo stesso Jarno Boano nell'intervista pubblicata in video channel. Se è vero da un lato che il team piemontese è stato costretto a rinunciare alla Dakar 2015, è vero anche che la loro attenzione si è concentrata subito su altri obiettivi, soprattutto lavorando già in chiave Dakar 2016.

Così' in Marocco a fine ottobre ci saranno ben otto piloti con Boano, sei clienti e due ufficiali ed è proprio su questi che si concentrerà l'attenzione visto che i due rispondono al nome di Johnny Aubert, campione del mondo enduro, in forze al team Beta, e Deny Philippaerts, in forze al team Boano ormai da quattro anni. Mentre per Aubert si tratta di un ritorno, visto che ha già corso due anni fa la Dakar, in Sud America, con la Ktm, per Deny si tratta di un esordio totale: "Ma conoscendo Deny - dice Jarno Boano - e sapendo quanto è preciso e coscenzioso, so già che si preparerà nel migliore dei modi per questo rally. Anzi, si sta già allenando in questi giorni in moto, con il road book". Deny infatti, non ha mai corso un rally con navigazione, road book e GPS, ma già aver avuto il coraggio e la voglia di misurarsi con questa nuova disciplina fa capire la sua determinazione. 

Il team Boano Racing dunque, schiererà oltre ai due assi dell'enduro anche sei clienti, alcuni dei quali ben noti nel mondo dei rally raid come Giorgio Lano, Antonio Baravalle, Stefano Fasani, i due giapponesi che ricordiamo dai tempi del Paharons Rally, Tetsunori Sukenobu e Akihiro Saito.