TransAnatolia 2017

link.png Alessando Botturi doveva essere l'unico italiano al via dell'OiLibya e invece...


Paulo MaroccoSalta decisamente agli occhi la totale assenza degli italiani nella lista degli iscritti moto dell'OiLibya Maroc ed alla luce di questa mancanza è facile immaginare che la causa sia da ricercare nel Merzouga Rally che si correrà una decina di giorni dopo il Rally valido per il Mondiale FIM. Alessandro Botturi, con il suo numero 11 doveva essere l'unico italiano al via della gara, e invece....

E invece proprio ieri il pilota di Lumezzane ha reso noto che la Yamaha France non si sentiva sicura nella trasferta in Marocco..."Devo comunicarvi   ha scritto Botturi sul suo profilo Facebook - che, per motivi geopolitici la Yamaha Francia ha ritenuto non sicura la trasferta in Marocco!! Siamo rimasti in dubbio fino all'ultimo momento... purtroppo Lunedì è arrivata la decisione definitiva!!! Devo quindi comunicarvi che purtroppo non parteciperò ai Rally in programma. Con il Team Francese ci sposteremo in Francia e Spagna per allenamenti e test!!!"

 E così, nella lista degli iscritti, partendo dall'alto si legge: Honda, Ktm,Ktm,Ktm,Ktm, Honda, Honda, Ktm. Ci volevano ben otto moto e altrettanti piloti prima di uscire da questa egemonia. Al numero 9 della lista infatti, c'era la Yamaha di Olivier Pain e poco più sotto, con il numero 11 c'era quella di Alessandro Botturi, ma ora sappiamo invece che le blu Yamaha non saranno in Marocco. E la battaglia sarà quindi ristreatta ad Honda e Ktm.

In testa al campionato attualmente con 71 punti c'è Marc Coma (Ktm) che conduce con dieci lunghezze su Paulo Goncalves (Honda) che a sua volta ha 16 punti di vantaggio sul suo compagno di squadra, Joan Barreda. Gli altri in realtà sono parecchio indietro visto che sia Helder Rodrigues che Jordi Viladoms sono a quota 37 ed essendo solo 20 i punti in palio per chi vincerà questa gara in effetti la battaglia si restringe ai primi due, laddove Barreda eventualmente potrà ambire solo al titolo di vicecampione 2014.

In previsione della Dakar e dei test ci sarà anche al via la Sherco, con Juan Pedrero e Alain Duclos.

I due quad in gara sono quelli di Rafal Sonik e la nostra Camelia Liparoti che in questa occasione ha utilizzato la sua nazionalità italiana per iscriversi alla gara organizzata da NPO.