KRKA 2018

link.png Team CR Racing, in partenza


TitanoPartiranno oggi da Malpensa i componenti del team CR Racing che correrà alla Dakar 2015 con la Titano, la nuova vettura con fiche sanmarinese e motore Audi. A guidarla Michele Cinotto, copilotato da Fulvio Zini, e con Maurizio Dominella nel ruolo di team manager. Ecco l'intervista al pilota, poco prima della sua partenza da Milano, destinazione Buenos Aires.

La vettura è già partita via aerea. E' stata trasportata in camion ad Amsterdam e da lì ha preso l'aereo - in lista d'attesa perchè i mezzi che quest'anno viaggiano in aereo non sono pochi-  diretto su Buenos Aires dove è atterrata proprio in questi giorni. Ora è in attesa di essere sdoganata e poi il team la troverà alla concessionaria Audi Lenken di Buenos Aires dove fra il 29 e il primo gennaio la vettura verrà ultimata e provata. Insieme all'equipaggio ci saranno Massimo Del Prete, l'ingegnere capo del progetto, Maurizio Dominella nel ruolo di team manager, perchè Emilio Radaelli ha deciso di non venire. Cominciamo da qui l'intervista con Michele Cinotto.

"E' vero Emilio non sarà con noi. Abbiamo deciso così perchè ha qualche problemino di salute. Non sta troppo bene e venire alla Dakar sarebbe stato un carico troppo pesante per lui: affrontare le Ande, con i 4000 metri di altezza, e poi gli sbalzi di temperature...meglio di no. Ci spiace ma almeno siamo tutti più sereni, ci seguirà da casa. Mi spiace perchè avrei voluto che vedcesse come funziona una Dakar, che tipo di gara è...pazienza, vorrà dire che lo vedrà il prossimo anno".

In compenso verrà Claudio Albertinazzi, della EpaPower:

"Esatto, Claudio sarà dei nostri nella prima fase della gara. Cioè per i giorni precedenti alla gara quando finiremo di sistemare la vettura e poi almeno per la prima tappa della Dakar".

Nella speranza di riuscire a fare dei test prima del via...

"La vettura è stata accesa per la prima volta alla sera prima della sua partenza per l'Olanda e da lì per l'Argentina. Accesa sui cavalletti..il che significa che il motore è partito, le marce sono state inserite, la frizione funziona, stacca bene, prima e seconda...poi abbiamo spento tutto. Diciamo che noi volevamo provare questa macchina e fare qualche migliaio di chilometri in Africa ma non ci siamo riusciti. Allora abbiamo ripiegato sull'Italia e avevamo l'idea di andare a Pordenone, sui terreni dove si corre l'Italian Baja, ma neanche questo è stato possibile. Allora abbiamo pensato di andare almeno a Maggiora, in pista, ma niente, non abbiamo fatto neanche questo. In definitiva non siamo neanche riusciti a fare il giro dell'isolato".

Ma almeno l'hai vista la macchina?

"Assolutamente no perchè ero via per lavoro e ho solo visto quelle foto orribili che sono state postate su Facebook. La macchina sembra un carro funebre...e per giunta basso ! L'hanno fotografata mentre la spingevano per caricarla sul camion. Era senza ammortizzatori, bassissima, e poi davvero non faceva una bella figura...Recupereremo !"

Diciamo che si può solo migliorare?

"Diciamo che non possiamo fare di peggio ! - e poi si continua a scherzare - Però dobbiamo dire che fra tutti e team che correranno con una vettura completamente nuova, noi siamo gli unici che non abbiamo ancora avuto problemi !"

Tornando ai test...ma almeno uno shake down in Argentina?

"Ma dove andiamo a farlo? No, non ci sarà il tempo. Per noi la Dakar sarà la prova ufficiale della vettura. Prima della gara nella concessionaria Audi di Buenos Aires abbiamo ancora dei lavori da fare sulla vettura, è anche per questo che viene Claudio Albertinazzi. Ma io sono estremamente positivo, so che la macchina andrà benissimo, magari non sarà bella, ma andrà bene, lo so per certo. Dal punto di vista costruzione e bravura dei meccanici e dei tecnici che l'hanno costruita non ho dubbi, sono bravi, solo che purtroppo non si può pensare di non provarla...".

Bè certo, provarla in gara è un bel test...

"In particolare noi faremo le prime tappe proprio per fare dei test e provare la macchina. La prima tappa per noi è assolutamente la più importante. Se finiamo questa tappa (Buenos Aires-Villa Carlos Paz di 883 km) siamo già a metà gara..."e poi scoppia a ridere: "Non perchè noi faremo solo due tappe, non per quello, ma perchè per noi è la cosa più importante. Sai...cambio, frizione, ammortizzatori...non sto parlando di assetto, guidabilità. Quelle cose le vedremo dopo..Parlo proprio a livello di affidabilità della vettura visto che, non avendola mai provata, dovrò guidare con i guanti..."

Ma magari nel cortile della concessionaria Audi un giretto riuscirete a farlo?

"Sinceramente io spero di riuscire a fare almeno il giro dell'isolato..." ridiamo insieme ma Michele poi più determinato conferma: "Vi garantisco che il giro dell'isolato lo farò! Mi faccio metter su gli ammortizzatori e poi scappo, con la macchina ovviamente. L'accendo e scappo via ".

E a questo punto riesco a estorcergli una promessa...Giurami che appena ci mettete su gli ammortizzatori mi fate una foto più bella delle precedenti ?

"Ci puoi contare. E questa volta le faccio io le foto e vedrai, e vedrete tutti, che verrà già più carina !"