TransAnatolia 2017

link.png X Raid sta sviluppando un buggy 2 wd


Sven QuandtX Raid apre alle due ruote motrici. La notizia coglie un po' di sorpresa visto che il team tedesco di Sven Quandt ha sempre concentrato la sua attenzione sulle 4x4, dalla Mitsubishi degli anni Novanta, alle Bmw degli anni 2000 fino alle Mini di questo decennio. Eppure Quandt rivela che stanno sviluppando un buggy e che lo porteranno alla Dakar...e come diceva Enzo Jannacci "per vedere di nascosto l'effetto che fa !"

Sono anni che Sven Quandt, patron del team X Raid ammette che sulla Mini ormai non c'è praticamente più nulla da sviluppare. Piccoli cambiamenti, correzioni, migliorie, ma tutto si ferma lì e da due anni almeno sta pensando che per andare avanti e restare sulla cresta dell'onda, forse, serve un mezzo nuovo. L'avvento di Nasser Al Attiyah nel suo team quest'anno, con una trattativa meno turbolenta e affrettata dell'anno scorso, ha fatto sì che il progetto nella mente di Quandt prendesse forma e soprattutto concretezza. Così la nostra intervista comincia serenamente così:

Parliamo della Dakar 2015 e cominciamo dai mezzi , quanti saranno?

"Noi avremo otto Mini al via della Dakar 2015 e un Buggy".

La notizia arriva come un fulmine a ciel sereno, spalanco gli occhi e chiedo se ho sentito bene...

Un buggy ?? Ma è una vostra nuova creazione o che cosa?

"No, no,no  - si affretta a rispondere patron Quand - abbiamo preso il buggy che aveva sviluppato Nasser Al Attiyah l'anno scorso e abbiamo ricominciato a ricostruirlo. Al momento non è ancora finito, ma ci stiamo lavorando sopra. Vedremo... però è abbastanza simile e vogliamo capire fino a dove si può arrivare con questi due ruote motrici...Per noi l'importante è vedere se finisce la gara e fare esperienza su questo tipo di veicolo. Se l'esperienza andrà bene e ci piacerà cercheremo di capire se avrà senso continuare con questo tipo di vettura".

Parliamo allora di Nasser Al Attiyah che dopo aver provato tutte le vetture disponibili nel panorama rally raid quest'anno, ha scelto di correre alla Dakar con una Mini, la sua scelta migliore?

"Sì, ha sicuramente scelto la vettura migliore che poteva trovare che al momento è davvero la Mini. E' la sua miglior decisione e Mini Middle East ha sicuramente appoggiato ed anche spinto la sua scelta".

Poi parliamo della solita sfida 2 ruote motrici contro 4 ruote motrici che quest'anno sembra ancora favorevole alle 4 WD...

"E' vero, so che quest'anno il 4 ruote motrici ha delle ottime possibilità, diciamo che è un anno buono per le Mini versione 2015vetture 4x4. Si può vincere. Quest'anno il percorso sarà meno sabbioso rispetto al passato, almeno così è stato annunciato, e questo per un 4x4 è importante perchè sappiamo che i buggy nella sabbia sono assolutamente imbattibili. In una speciale di sabbia è facile per un due ruote motrici infliggere distacchi di venti minuti, anche mezz'ora alle 4x4 per il discorso delle loro sospensioni no limit ed è proprio per questa ragione che anche noi partiremo con un buggy. Quindi diciamo che quest'anno per noi va ancora tutto bene, per il prossimo anno dovremo seriamente pensare a cosa fare e se continuare con le 4x4".

Avete cambiato qualche cosa nella Mini di quest'anno ?

"E' difficile ormai cambiare qualcosa nella nostra macchina perchè dopo tanti anni devi trovare qualche nuova idea...Qualcosa è stato fatto, abbiamo cambiato piccole cose a livello della scatola cambio, ma non in tutte le Mini, abbiamo lavorato e apportato alcuni cambniamenti alle sospensioni, e poi anche nell'aerodinamica abbiamo fatto qualcosa di nuovo e si può notare guardando il tetto della Mini. Dopo 7, 8 anni di sviluppo non è facile trovare  qualcosa di nuovo, penso che ormai siamo giunti alla fine del periodo di sviluppo".

Parliamo ora di regolamenti...

"Bè diciamo che l'attuale regolamento non mi dispiace, anche se ci siamo trovati di fronte alla necessità di appesantire la nostra vettura. Questo è stato qualcosa in netto contrasto con la nostra politica di sviluppo, per anni abbiamo lavorato per allegerire la macchina e ora ci siamo trovati davanti all'esigenza opposta. L'aumento della strozzatura alle bride dei motori benzina è stato un vantaggio per noi diesel, anche perchè quest'anno essendoci più passaggi in altitudine rispetto al passato questo giocherà a nostro favore. So che sarà una bella gara comunque, e spero di portare tutte le nostre vetture al traguardo in buona posizione".

Riguardo al pilota che guiderà il buggy alla Dakar 2015 un qualche sospetto lo avrei...forse un francese...chissà?