KRKA 2018

link.png Ci siamo ancora !


Come purtroppo spesso accade le connessionici hanno tradito. Fra indirizzi IP, connessioni non abbastanza forti non siamo riusciti ad aggiornare in questi giorni il sito. Ricominciamo da ora, sperando di farcela a dare il maggior numero di notizie. Innanzitutto i ritiri. Michele Cinotto è rientrato a Buenos Aires dopo la rottura di un elemento elettrico che ha praticamenti cotto l'alternatore. Ora si fermeranno ancora qualche giorno in Argentina per fare dei test sulla Titano.

Per quanto riguarda invece le stime ufficiali relativamente al pubblico di Buenos Aires in queste giornate che hanno preceduto la partenza di oggi della 37. Dakar, settima in Sud America. Al podio allestito ieri alla Casa Rosada e lungo tutto il percorso transennato della capitale sono state contate 650 mila persone, mentre a Tecnopolis, nei tre giorni di verifiche si sono stimate 230 mila presenze. Forse un po' meno di quanto ci sia aspettava ma è vero che la coincidenza del primo week end estivo e quindi del conseguente esodo per le località di vacanza hanno in qualche modo influito sull'affluenza.
Lungo la strada due giorni fa, alle 5, quando i piloti moto hanno lasciato il parco chiuso di Tecnopolis diretti alla prima prova speciale, c'era poca gente. Molta di più ne hanno trovato in speciale dove moltissime persone, provenienti da tutto il Paese si sono radunate ieri pomeriggio. “Siamo partiti sabato mattina alle 7 da Santa Fe e siamo arrivati sulla prova speciale alle 14 – racconta un tifoso che è venuto qui con tutta la famiglia – abbiamo la nostra tenda e ci siamo portati dietro tutto il necessario. Abbiamo dormito qui dopo esserci conquistati una buona posizione per poter vedere da vicino i passaggi dei piloti”. E come loro ci sono tantissime altre persone dotate di frigorifero portatile, tenda e tavolo da campeggio con sedie assiepati lungo l'autostrada per vedere i piloti durante il trasferimento, o appunto all'interno della prova speciale.