TransAnatolia 2017

link.png il vero eroe è lui :Willy Alcaraz


willy 2.jpgWilly Alcaraz è una vecchia conoscenza della Dakar, tanto è vero che questa per lui è la 24. Correva con il team italiano della Cagiva, come copilota della vettura di assistenza veloce di Christian Chiaravita, quando il team era al comando di Roberto Azzalin. 

Un bel personaggio che aveva già sperimentato diversi modi di correre alla Dakar e così, 4 anni fa ha scelto qualcosa di nuovo, e di folle a pensarci bene. I mini buggy a motore Polaris del team Extreme Plus, che corrono in una categoria riservata solo a loro, mini buggy categoria T3 Solo. E ha anche vinto tre volte la categoria. Ma è lui il primo a dire che quest'anno è durissima per lui e per tutti quelli come lui. “Fin dal primo giorno ci siamo resi conto che questa era una Dakar molto più difficile rispetto alle altre del passato. Già il secondo giorno abbiamo avuto un sacco di fesh fesh e tanto vento sulla schiena il che porta i nostri motori a scaldare moltissimo. I concorrenti che partivano davanti a noi hanno avuto un sacco di noie e li trovavamo piantati nel fesh fesh, nelle caregge profonde che si erano scavate e siamo stati costretti in più di uno ad uscire dal percorso della gara e a cercare altri itinerari. Questo ci ha costretto a passare in mezzo alla vegetazione (quello che in molti chiamano 'bush') e questo significa bucare sulle spine di questi cespugli impossibili. Ho bucato, ovviamente, e ho finito la speciale con le gomme riparate come possibile perchè non ne porto dietro tante per poterle cambiare. Ho finito parecchio indietro, ma almeno al bivacco ci sono arrivato. Però tardi perchè alla mattina partendo dietro ce ne andiamo sempre tardi e in questo modo accumuliamo un ritardo che non si riesce a recuperare. A volte addirittura siamo entrati in speciale alle quattro di pomeriggio e questo è pazzesco perchè è ovvio che scenderà la notte e noi saremo ancora dentro la speciale. Tutto ciò è strano a livello organizzativo...con dei trasferimenti così lunghi per andare alla speciale non tengono conto che noi abbiamo dei motori piccoli e non andiamo fortissimo. Specie quando si monta in altitudine perdiamo quasi il 50 per cento della nostra potenza”. I loro motori 1000 cc sviluppano non più di 100 cavalli e perdere la metà della potenza vuol dire ritrovarsi con le velocità di uno scooter. “Non abbiamo il tempo per fermarci, per mangiare qualcosa, corriamo sempre come matti per non arrivare in ritardo alla partenza della speciale e prendere la penalità ed è anche per questo che trovo questa Dakar tanto dura”. E poi racconta la sua avventura nella tappa marathon: “La prima speciale, già in Bolivia è stata terribile. Siamo partiti con un meteo sfavorevole e con un freddo intenso. Si è poi messo a piovere forte e io mi sono ritrovato completamente bagnato. In più dovevamo attraversare dei fiumiciattoli dove l'acqua era salita molto e a me arrivava quasi alla vita. Mi sono lavato completamente e quando ci siamo rimessi ad andare stavo congelando.  C'erano cinque gradi e io ero fradicio d'acqua. Terminare la prova è stato un inferno”. Al bivacco ha trovato un pasto caldo e la doccia calda per fortuna, ma non è bastato. “Essendo una tappa marathon dovevo lavorare da solo, senza meccanico, sul mio mezzo e farlo con l'aria fredda e con i vestiti bagnati addosso è stato delirante. Per fortuna non avevo moltissimo da fare, sistemare il cardano, riparare una gomma forata. Poi ho fatto la doccia calda e ci sono rimasto sotto per una buona mezz'ora per scaldarmi ma quando ne sono uscito ancora tremavo. Ovviamente mi sono preso un raffreddore”. Però non aveva abiti puliti e allora ha utilizzato il poncho in lana che i boliviani hanno fornito a tutti i piloti, con il tipico cappellino, ma non era sicuramente sufficente per scaldarsi. Per fortuna sul lettino avevamo le coperte e anche il pasto era bello caldo. Ma la cosa buffa, per modo di dire, è successa il giorno dopo. Il suo mezzo sembrava un meteorite, bagnandosi e correndo sul fango e sul Salar si era formata una sorta di calotta di roccia durissima, che ha finito per bloccare il mezzo: “Faceva ancora freddo e poi mi sono bloccato. Le connessioni elettriche hanno smesso di funzionare per ben tre volte. La prima volta ero in trasferimento e difatti ho timbrato con 40 minuti di ritardo, e le altre due ero già nella seconda speciale. Per fortuna ho trovato qual'era il problema abbastanza in fretta ma ciò non toglie che sono rimasto fermo un po' entrambe le volte per risolverlo”. Scuote la testa pensando che da quando è partito il rally, ogni giorno c'è una tappa durissima, giorno dopo giorno. “E' veramente difficile la gara e te lo prova il numero delle vetture ritirate. Normalmente il 50 per cento lo perdiamo all'arrivo, non a metà gara, al giorno di riposo. E come se non bastasse la gara è diversa dal solito e non è divertente. Ripenso al 2013, al Perù, con i suoi terreni diversi, speciali belle che alternavano il terreno duro e il pilotaggio. Qui invece c'è poco e nulla da pilotare, c'è un sacco di fesh fesh, tante buche, rocce : qui si pensa solo a spaccare le vetture e spaccare le persone. Per il momento non è un buon percorso per me e trovo che in passato era molto meglio”. Ma Willy è un uomo tutto d'un pezzo e non molla: “Questo è il mio quarto anno nella categoria T3 Solo e nei tre anni precedenti ho sempre vinto. Il mio obiettivo è vincere anche questa volta e al momento sono in testa nella classifica della mia classe. Incrocio le dita perchè il mio veicolo mi porti fino alla fine. La classifica generale non mi interessa e non è importante per noi. Ho anche patito un guasto al cambio che mi ha fatto perdere un sacco di tempo. Però se guardo ai mezzi che mi stanno davanti in classifica generale vedo che sono sempre di meno, giorno dopo giorno e pensando che noi abbiamo 100 cavalli e gli altri ne hanno almeno 300 c'è di che essere soddisfatti. Pensiamo che arrivare nei primi cinquanta sia una cosa alla nostra portata (Alcaraz al momento è 52° assoluto)”.   


Comments

There are no comments


Post a comment