KRKA 2018

link.png Suominen il più veloce nella 1. tappa in Russia


C63R0126.jpgAl momento dieci vetture hanno passato il traguardo della prima tappa lunga della Baja Russia 2015. La prova speciale di 158 chilometri è stata vinta dal finlandese Tapio Suominen su Toyota Overdrive.

Il neo acquisto della Toyota Overdrive, cliente per questo evento che si sta disputando proprio al confine fra la Finlandia e la Russia, è in testa al termine della prima prova speciale della giornata. Con la sua Toyota Overdrive Tapio Suominen ha fermato i cronometri, dopo 158 chilometri su 1h.48'38" sbaragliando gli avversari. Merito sicuramente della sua esperienza nella guida su queste strade innevate, su cui le gomme chiodate la fanno da padrone. "Mi sono divertito un sacco in questa speciale - spiegava Suominen all'arrivo della speciale - mi sono incastrato nella neve alta a lato della pista per un paio di volte ma non è stato niente di grave, avrò perso in tutto 30 secondi".

Fattostà che alle sue spalle in seconda posizione, ironia della sorte, c'è un pilota che di neve, e di ghiaccio, davvero ne sa pochissimo, e cioè il brasiliano, Reinaldo Varela, anche lui su Toyota, staccato di 2'38" dal finlandese. IL brasiliano per un problema nel prologo di ieri era partito stamattina dalla 12. posizione ed è stato bravissimo nonostante un certo numero di sorpassi e un po' di traffico in ps a recuperare tante posizioni.

Merito della macchina dunque, e della sua preparazione per questa gara, come sempre impeccabile per il team di Fortin. Terza posizione per la prima tappona per i russi Vasilyev e Zhiltsov su Mini a 2'56" dal vincitore e quindi a pochissimi secondi dal brasiliano della Toyota: il tempo dei russi è comunque ottimo se si pensa che hanno anche bucato e si sono fermati a cambiare la gomma. Quarta posizione per Zapletal a 5'26" mentre l'olandese della Mini Van Loon si deve accontentare della sesta posizione a 9'.08". "Sono contento della mia prestazione - ha detto il pilota olandese - perchè per me si tratta della prima esperienza in assoluto sulla neve. I primi 40 km della speciale erano ricoperti da neve soffice e siamo finiti fuori almeno 5 volte. Poi ho cominciato a prenderci la mano e ho recuperato qualche cosa"

Foratura anche per il duo polacco composto da Dabriovski e Czachor settimi in classifica a 12'12".