TransAnatolia 2017

link.png Hellas Rally Raid, ad una tappa dalla fine


Michele CottiQuando manca ancora solo una tappa, l'ultima al termine dell'Hellas Rally Raid 2015 Jacopo Cerutti è ancora saldamente al comando della gara e alle sue spalle ora c'è Filippo Ciotti. Oggi delle due speciali in programma se n'è corsa solo una, la prima di quasi 107 chilometri. O meglio, si sono corse tutte e due ma la seconda ps è stata cancellata poi per problemi relativi al road book.

Matthias Walkner (Ktm) è stato il più veloce nell'unica prova speciale valida di oggi all'Hellas Rally Raid. La quinta e penultima tappa con la sua lunga speciale da 107 chilometri - che poi è anche diventata l'unica valida della tappa - ha messo a dura prova i piloti che ricominciano a sentire della stanchezza di tutti questi giorni.  L'austriaco della Ktm ha vinto anche questa speciale e vincere ogni giorno è l'unica soddisfazione che si può togliere visto che i problemi meccanici del primo giorno e il ritardo accumulato lo hanno restrocesso fin da subito in classifica: attualmente occupa la 50. posizione assoluta. In compenso oggi è stata una gran brutta giornata per Sam Sunderland, costretto al ritiro.

Al termine della prima prova odierna Jacopo Cerutti si è piazzato in seconda posizione con un ritardo di 5'45" dall'austriaco e alle spalle dell'italiano è arrivato un quad, quello di Souday, su Raptor. Filippo Ciotti è arrivato quinto al traguardo e con il ritiro di Sunderland e le sue buone prestazioni, giorno dopo giorno, Filippo si ritrova secondo in classifica con un ritardo dal leader, sempre Jacopo Cerutti, di oltre un'ora e mezza.

La seconda speciale, come già detto, è stata cancellata per un problema di road book e in questo modo la classifica oggi ha tenuto conto solo dei tempi del primo settore.

Alla conclusione della gara ora manca solo la giornata di domani: 170 i chilometri complessivi ed una sola speciale, di quasi 68 chilometri fatti di sassi, sterrato e boschi. 33 chilometri di trasferimento alla mattina per raggiungere la PS e 73 alla fine per ritornare a Nafpaktos.

Tornando alla giornata di ieri Jacopo Cerutti era incappato in una penalità di 15' per aver cambiato la propria gomma - tutte le gomme erano uscite praticamente distrutte dalla speciale ieri - fuori dalla zona dell'assistenza e se Sam Sunderland oggi non si fosse fermato, la gara avrebbe avuto un sapore diverso perchè i due in classifica sarebbero stati separati da soli due minuti. Sempre ieri brutta avventura in prova per Filippo Ciotti che si è ritrovato una vettura contro mano: lo scontro è stato inevitabile, ma Ciotti non è certo uno che molla, specie ora che si ritrova in seconda posizione. Qualche acciacco ma si può proseguire. In classifica assoluta oltre ai primi due posti degli italiani troviamo in sesta posizione Massimo Prazzoli, settimo Michele Cotti e ottavo Angelo Pedemonte.

 


Comments

There are no comments


Post a comment