KRKA 2018

link.png Le auto al traguardo della prima tappa


DSC09374.JPGSi è già chiusa la prima giornata di Italian Baja 2015 per le auto visto che una dopo l'altra stanno rientrando in Fiera a Pordenone, e per loro fortuna la pioggia li ha graziati. La stessa fortuna forse non toccherà alle moto, ai quad e agli UTV che invece sono entrati nella seconda speciale in ritardo per 'colpa' del camion Mercedes Unimog di Beppe Fortuna che era molto in ritardo nella seconda speciale e non si poteva certo rischiare di far partire la prima moto in speciale, con il rischio che si trovasse davanti un camion notevolmente più lento...

Sono le 17,20 quando su Pordenone arriva la pioggia. Il nuvolone nero e i tuoni che si sentivano già da un po' danno libero sfogo al termporale che era stato annunciato...e per una volta le previsioni hanno azzeccato il pronostico. Le auto sono rientrate praticamente tutte in Fiera, al parco assistenza e questa volta il più veloce è stato Nasser Al Attiyah su Mini. Nel primo giro il suo navigatore aveva avuto diversi problemi ad interpretare un road book che non gli piaceva e che, dichiarava, non era all'altezza di una gara da Mondiale. Ma per Matthieu Baumel si tratta anche della prima Baja e quindi deve sicuramente prendere la misura con le sue abitudini che al momento sono tutte legate ai rally raid. Ad ogni modo, pur partendo sempre primo, questa volta il qatariano ha potuto dar sfogo ai cavalli della sua Mini - la speciale era la stessa della mattina - e vincere, chiudendo la seconda ps di oggi in 56'43" abbassando di ben 4 minuti il miglior tempo di stamattina. Alle sue spalle, secondo, Reinaldo Varela - Toyota - a 1'24" di distacco e in terza posizione il russo Zheulodov a 1'40" dal primo. Con questa vittoria Nasser Al Attiyah concude la prima giornata in testa alla classifica assoluta con 45" di vantaggio su Varela che a sua volta ne conta 33" su Zheulodov. Quarta posizione per Vladimir Vasilyev, quarto anche nella seconda speciale staccato dal primo di 1'48" il che significa a 30" dalla vettura che lo precede. Quinta posizione per la terza Toyota Overdrive che è quella di Marek Dabrovski.

Ancora una volta il migliore degli italiani è Lorenzo Codecà che ha sistemato la sua piccola Suzuki in mezzo a tutti i grandi nomi del mondiale tout terrain: Codecà è ottavo assoluto a 11'40" dal primo ed è un risultato di tutto rispetto.

Domani anche le vetture affronteranno altri due giri di percorso, al contrario rispetto ad oggi, con partenza intorno alle ore 9. Domani infatti toccherà alle moto aprire la giornata, con partenza della prima alle 7,10.