TransAnatolia 2017

link.png Nicola Dutto all'Italian Baja 2015


duttoNe avevamo già parlato dieci giorni fa analizzando gli iscritti all'Italian Baja. Ma per Nicola Dutto c'è assolutamente bisogno di aprire un capitolo a parte. Il piemontese torna a correre, in moto, nella 22. edizione della Baja italiana che si aprirà domani pomeriggio e si concluderà domenica 28 giugno, a Pordenone.

E per la prima volta Nicola Dutto torna a correre all'Italian Baja in moto. Lo aveva fatto negli anni passati con un Razor, come apripista nel 2013, ma mentre in altre Baja, per esempio in Spagna, all'Aragon, aveva già corso in moto, in Italia ancora non aveva portato a termine questo progetto. Lo avevamo visto correre in moto a Gorle, alla gara organizzata da Giò Sala per suor Isolina, ma mai al Baja.

Il 2015 è l'anno giusto, e siccome Nicola Dutto disputerà tutto il Mondiale FIM Baja, che parte appunto da Pordenone, ecco la decisione di tornare a correre sul territorio nazionale con la sua Ktm. Il pilota cuneese, dopo mesi e mesi di allenamento, torna a gareggiare in sella alla Ktm EXC 450 proprio su quel tracciato che nel 2010, dopo una brutta caduta, lo ha costretto in carrozzina, paralizzato dalla vita in giù. Testardo, caparbio, determinato e soprattutto coraggioso, Nicola però ha lavorato duro in tutti questi anni per tornare a correre, dapprima con un UTV, e poi in moto, con un mezzo speciale che è stato creato ed allestito appositamente per lui. Nel 2012 ha corso la Baja d'Aragon e l'anno dopo è riuscito a gareggiare alla Baja 500 in Mexico diventando il primo pilota paraplegico al mondo ad aver affrontato una prova del Mondiale Desert Race...in moto.

Al suo fianco anche questa volta, come già in altre competizioni, ci sarà Julian Villarubia che sarà il suo ghost rider, sempre presente alle sue spalle, pronto ad aiutarlo in caso di scivolata o di caduta. Insieme i due piloti affronteranno tutte le tappe del Mondiale Baja: Pordenone appunto, poi la Spagna, l'Ungheria, la Baja portoghese Idanha a Nova e la Baja Merzouga in ottobre.


Comments

There are no comments


Post a comment