link.png Finita la prima giornata per le auto all'Hungarian Baja


Denis BerezovskiyC'è la Mini X Raid di Nasser Al Attiyah in testa alla classifica stasera al termine del secondo giorno dell'Hungarian Baja. La Mini ha ottenuto il miglior tempo nella seconda frazione cronometrata e ora guida la classifica assoluta con un vantaggio cospicuo che supera i 15 minuti. Bene i nostri italiani.(Nella foto : Denis Berezovskiy, Nissan Tecnosport)

Non è assolutamente una garafacile questa Baja ungherese. Il tracciato è molto veloce - si parla addirittura di medie superiori agli 80 km/h - ma nello stesso tempo è pieno di buche e sassi e la polvere la fa da padrone. Bastava partire in terza posizione oggi per rendersene conto e la polvere, unita alle insidie nascoste nel terreno può dimostrarsi estremamente pericolosa ecco perchè più di qualche pilota ha adottato una condotta di gara basata sulla prudenza. Bernhard Ten Brinke (Toyota Overdrive) partito in testa stamattina per la decisione di ieri sera dopo il prologo che permette ai piloti di scegliere la posizione di partenza non ha avuto vita facile vistoil suo compito di apripista, soprattutto nei primi cinquanta chilometri della speciale da 175 km che tutto il rally oggi ha affrontato per due volte. Nasser Al Attiyah in seconda posizione ha saputo ben gestire la polvere e ha messo pressione al suo avversario principale, anche perchè lo stesso Nasser deve stare ben attento a non commettere errori se vuole passare in testa alla classifica di Coppa del Mondo al termine di questa gara. Più difficile la vita per coloro che venivano dopo, da Marek Dabrovski a Miroslav Zapletal che hanno dovuto lottare con la polvere.

Altro avversario da non sottovalutare il gran caldo che come accade in questo periodo in Italia sta attanagliando anche l'Ungheria e in particolare la zona che ospita la Baja quest'anno. Unico attimo di respiro la zona del sottobosco - nella parte finale della speciale - con un po' di pozze d'acqua e tanti alberi, ugualmente veloce e apprezzata da tutti i piloti.

A fine giornata Nasser Al Attiyah e Mathieu Baumel arrivano con la prima posizione dopo aver vinto la seconda prova speciale di oggi mentre la prima era stata appannaggio dell'olandese della Overdrive, Ten Brinke che aveva chiuso con 1'06" di vantaggio sul qatariano. Al Attiyah ha poi vinto la seconda ps con un distacco importante su Ten Brinke, solo settimo e a fine giornata per un problema ai freni, guida la classifica assoluta con 18'18" su Miroslav Zapletal su Hummer e 22'16" su Ten Brinke.

Sono andati bene i nostri team italiani: Denis Berezovskiy della Nissan Tecnosport occupa la nona posizione assoluta dopo essere partito molto indietro stamattina con la Nissan Y62. E' primo al momento della classifica T2 con un vantaggio di 4 minuti sul suo inseguitore Emil Khneisser. Subito dietro, in undicesima piazza troviamo la prima delle due vetture del R Team, quella di Al Thani, la Ford Raptor, terza di T2 mentre i fratelli Trivini Bellini, Alessandro e Paolo occupano la 13. piazza assoluta, ma sono quinti di T2 e secondi di T2 diesel.

Domani si ricomincia ma questa volta con solo una speciale da affrontare, la stessa di oggi ma al contrario. Quindi sarà il sottobosco a farla da padrone nei primi chilometri: la prima vettura lascerà il parco chiuso alle 9 per entrare in prova speciale 35 minuti più tardi.


Comments

There are no comments


Post a comment