KRKA 2018

link.png Gerard Farres vince la Transanatolia 2015


Gerard FarresE' la sua seconda vittoria consecutiva in due mesi. Gerard Farres (Ktm – Team Himoinsa)  conquista oggi il Transanatolia 2015 – organizzato dalla SportToto - e si tratta della sua prima vittoria assoluta in un rally raid.

 Lo spagnolo veniva dalla recente vittoria della Baja Aragon – la sua quinta – ottenuta in luglio e ha dimostrato la sua forma smagliante anche in questa gara. Non ha commesso errori, è stato supportato da una ottima moto che non gli ha dato alcun problema e dal secondo giorno si è portato in testa alla gara senza mai un attimo di esitazione. Ha vinto 4 tappe su sette, segno della sua forza e soprattutto della sua determinazione nel voler vincere questo rally dimostrando a tutti che Gerard Farres c'è. “Sono davvero tanto contento, è il primo rally che vinco nella mia vita, e poi con tanti bravi piloti con cui confrontarmi. E' stata una gara in cui abbiamo lavorato bene, tutti e anche io me la sono cavata bene nella navigazione, non ho fatto errori e questo è stato davvero importante. Con Himoinsa team, insieme a Ivan Cervantes e Rosa Romero, solo per citarne alcuni, faremo sicuramente una grande Dakar”.
Al secondo posto Helder Rodrigues, venuto in Turchia con il chiaro intento di scoprire un rally nuovo ma soprattutto di provare la nuova versione della Yamaha 450 e di fare allenamento su navigazione e road book: il secondo gradino del podio dunque, gli va bene : “E' stata una buona gara e sono contento. E' stato un allenamento importante per i prossimi mesi e la moto, questa evoluzione Yamaha, è andata molto bene. La gara, con i suoi passaggi in altitudine per me che ho ancora qualche difficoltà in montagna, è stata preziosa in vista della Dakar 2016”.
Alessandro Botturi (Yamaha) è terzo, e quei 14 minuti di penalità rimediati per un eccesso di velocità e un anticipo ancora poco chiaro, ad un CO, gli pesano come un macigno. Senza quei minuti sarebbe arrivato secondo, ma il fatto che davanti a lui ci sia un compagno di squadra gli fa pesare di meno la posizione. Ha vinto due delle sette tappe e in quanto a velocità e concentrazione non ha nulla da recriminare: “Abbiamo battagliato tanto, quattro tappe le ha vinte Gerard, una Helder e due io, quindi direi che è stata davvero una bella gara, bilanciata. Il percorso mi è piaciuto molto, e rispetto alla mia prima volta, nel 2013 ho trovato una gara più professionale, con piloti di alto livello e noi siamo stati davvero costretti tutti i giorni a confrontarci, combattendo sul filo dei minuti”. 
Quarto posto per un ottimo Paolo Ceci (Ktm) sempre molto regolare e contento di essersi battuto con i piloti ufficiali e di aver chiuso a pochissima distanza dal Bottu. Ha battuto anche Olivier Pain (Ktm) con il quale ama spesso confrontarsi e il francese a sua volta ha preceduto per 4 minuti Laia Sanz, contenta della sua gara in sella alla nuova Ktm Rally con la quale giorno dopo giorno ha preso sempre più confidenza. Vanni Cominotto (Husqvarna) è alle spalle della spagnola in questo suo secondo rally raid dopo il mondiale in Sardegna, settimo, con il portoghese Pedro Bianchi Prata (Honda) ottimo ottavo e Mirko Pavan che, rispettando le aspettative ha chiuso entro la top ten, con il nono posto, su Beta. Decimo è il giovanissimo Loic Minodier (Ktm), contento e soddisfatto, ed in attesa ora di scoprire se ASO lo accetterà alla Dakar 2016. La stoffa, qui in Turchia, ha dimostrato di avercela, eccome.

English Version

TRANSANATOLIA 2015
GERARD FARRES WINS THE SIXTH EDITION, AND HIS FIRST RALLY RAID, SECOND PLACE HELDER RODRIGUES AND THIRD ALESSANDRO BOTTURI

Ankara– August 29th, 2015 – It's his second consecutive win in two months. Gerard Farres (KTM - Team Himoinsa) wins today Transanatolia 2015 - organized by SportToto - and this is his first ever victory in a rally raid. The Spaniard was the recent winner of Baja Aragon - his fifth - obtained in July and showed his top form in this race. He did not mistakes, it was supported by a good bike that did not give him any problem and the second day it was brought in the lead without a moment's hesitation. He won four stages on seven, a sign of his strength and especially his determination to win this rally proving to everyone that Gerard Farres is a very good rider. "I am really so happy, it is the first rally that I win in my life, and then with so many good riders with which to confront. It has been a race in which we worked well, all, and I also got away well in the navigation, without mistakes and that was really important. With Himoinsa team, along with Ivan Cervantes and Rosa Romero, to name a few, we'll certainly do a great Dakar. "
In second place Helder Rodrigues, who came to Turkey with the clear intention of discovering a new rally but especially to try the new version of the Yamaha 450 and do training on navigation and with road book: the second place, therefore, is ok for him : “It 'was a good race and I'm happy. It was an important exercise for the coming months and the bike, this evolution Yamaha, goes very well. The race, with its passages in altitude for me that I still have some difficulty in the mountains, was valuable in view of the Dakar 2016 ".
Alessandro Botturi (Yamaha) is third, and those 14 penalty minutes remedied for speeding and for an advance, still unclear, in a time controllo, weigh a ton for him. Without those minutes he would come second, but the fact that before him in the overall standing there is a teammate makes him less sad. He has won two of the seven stages and in terms of speed and concentration has nothing to complain: "We fought a lot, four stages won from Gerard, one from Helder and two for me, so I would say it was a really good race, balanced. The path I really liked, and compared to my first time, in 2013, I found a more professional race, with riders of high level and we were really forced to confront every day, fighting on the edge of the minutes. "
Fourth place for a great Paolo Ceci (KTM) always very smooth and happy to have fought with the official riders closing with a so short distance from 'Bottu'. He also beat Olivier Pain (KTM) with whom he loves face; the French in turn preceded by four minutes Laia Sanz, pleased with her race riding the new KTM Rally with which day by day took more and more confidence. Vanni Cominotto (Husqvarna) is behind the Spanish in his second rally raid after the World Race in Sardinia, seventh, with the Portuguese Pedro Bianchi Prata (Honda) excellent eighth and Mirko Pavan, respecting expectations finished within the top ten, with the ninth place, on Beta. Tenth is the young french Loic Minodier (KTM), happy and satisfied, and now waiting to find out if ASO will accept him for the Dakar 2016.