TransAnatolia 2017

link.png Le Peugeot vincono il China Silk Road Rally: ne dubitavamo?


Peugeot chinaNessuno aveva mai nutrito il benchè minimo dubbio sulla vittoria della Peugeot per il rally organizzato da Hubert Auriol e giunto alla sua terza edizione quest'anno. Che le due DKR 2008 avrebbero vinto si sapeva benissimo, anche perchè il parco partenti, composto al 70 per cento da vetture e piloti cinesi non è ancora all'altezza di un team ufficiale come quello della Casa francese. Per non vincere le due vetture si sarebbero dovute rompere, ma la nuova versione della DKR 2008 ha dato in Cina prova di grande affidabilità.

Prove speciali corte, mai superiori, se on di poco, ai 200 chilometri per far sì che tutte le vetture, soprattutto quelle degli equipaggi cinesi, arrivassero in fondo. Una tappa annullata, qualche ritardo nelle partenze ma in definitiva una gara bella, soprattutto sotto il punto di vista dei paesaggi e delle terre attraversate. Per tutto il resto c'è ancora molto da lavorare, sia a livello organizzazione che cronometraggi, con ordini di partenza e classifiche difficilissimi, se non impossibili da reperire, non solo via internet ma anche sullo stesso campo di gara.

Ma in Cina sappiamo bene come funzionano le cose e quanto sia complicato relazionarsi con le autorità competenti e con gli organizzatori, tanto è vero che questo connubio che potrebbe sfociare in futuro in una collaborazione fra ex Silk Way Rally e attuale China Grand Rally, non sembra molto semplice da realizzare. Ma a parte questo la gara c'è stata e le Peugeot l'hanno vinta, al termine di un percorso di 5440 chilometri suddiviso su ben 13 tappe. Stephane Peterhansel e 'Polo' Cottret sono saliti sul gradino più alto del podio con un vantaggio di 33' sul compagno di squadra Cyril Despres che con il suo co-pilota debuttante, David Castera, ha agguantato la seconda posizione assoluta. Terzo assoluto il cinese Han Wei su Haval (a 51' da Peter) vincitore nel 2014, che ha preceduto in classifica il compagno di squadra francese Christian Lavieille, quarto a 5 minuti dal cinese. Sette le vittorie di tappa per Peterhansel e due per Despres e con questo successo la Peugeot DKR 2008 segna la sua prima vittoria assoluta in un rally raid. Al traguardo Bruno Famin, direttore di Peugeot Sport ha confermato: “Siamo arrivati con l’idea di fare chilometri ed esperienza, e ripartiamo con una vittoria e una doppietta. Sono orgoglioso del lavoro fatto dagli equipaggi e dal team, qui e a Vélizy. Tutti hanno lavorato a questo progetto da un anno, incessantemente, e questa è una bella ricompensa anche se il nostro obiettivo principale resta la Dakar. La strada è ancora lunga e difficile. Stéphane e Jean-Paul hanno fatto un gran rally dall’inizio alla fine. Hanno saputo gestire quando era necessario, hanno attaccato al momento giusto, e questa vittoria non è arrivata per caso.Cyril e David sono stati una sorpresa. Per la loro prima corsa insieme hanno trovato il giusto feeling e la giusta complicità. Hanno seguito le indicazioni e hanno fatto anche di più, al punto di regalarci due vittorie della tappa. Complimenti a tutti e 4!”

Per quanto riguarda le moto invece la vittoria è andata ad Armand Monleon che è riuscito negli ultimi giorni a riprendersi dalla paura dello scontro frontale avvenuto durante una speciale e ad arrivare in fondo. Lo spagnolo su Ktm Rally vince con poco più di mezz'ora di vantaggio sul cinese Su Wen Min su Jincheng 450Y Rally mentre in terza posizione chiude Zhao Hong Yi,  su Ktm 450 Rally