TransAnatolia 2017

link.png Dakar-Alta Badia, un successo a La Villa


foto badiaUn piacevole successo, anche per chi la Dakar l'ha sempre vissuta attraverso gli occhi e i racconti degli altri, o attraverso la tivù. La serata di apertura del lungo week end di Coppa del Mondo di sci a La Villa, dedicata alla Dakar, ed organizzata con la collaborazione del  Consorzio Turistico Alta Badia e il C.O Coppa del Mondo di sci Alta Badia, è stata un successo, in tutti i sensi.

I tantissimi ospiti si sono susseguiti sul palco della Casa della Cultura dalle 18, per oltre due ore, raccontando aneddoti ed esperienze di ogni genere, dalle più intime ed emozionanti, alle più curiose e a volte buffe.
A fare gli onori di casa Marcello Varallo, presidente del Comitato Organizzatore Coppa del Mondo Alta Badia, appassionato rallista che nell'occasione ha ritrovato amici e colleghi ma soprattutto è riandato indietro nel tempo, raccontando i suoi Rally dei Faraoni e la Parigi-Mosca Pechino del 1992 affrontata insieme al badiotto, Moritz Craffonara. Varallo ha parlato poi della Coppa del Mondo, del trentennale e dello slalom parallelo che costituisce l'ennesima sfida di questo vivissimo e forte comprensorio che è l'Alta Badia.
Moritz Craffonara insieme a Norbert Lutteri e Paul Von Guggemberg ha raccontato alcune avventure degli anni Novanta, lasciando poi la scena a Paolo Ceci, pilota ufficiale Honda HRC Rally alla prossima Dakar e al suo team manager, Martino Bianchi. Oscar Polli e Roberto Boano, sempre colorito nei suoi racconti, hanno parlato del passato, insieme al famoso meccanico dalle mani fatate, Graziano Pelanconi, così come Francesco Perlini, Lucio Pezzotta e Giulio Minelli, protagonisti della Dakar più “pesante” quella riservata ai camion.
Il connubio sci – rally, neve- deserto, acqua-ghiaccio e freddo, contrapposti al caldo, la sabbia e alle dune, oppure alla Cordigliera delle Ande e al deserto ha tenuto banco per tutta la serata, fra filmati epici e storici, con Andrea Mayer a spiegare ai presenti che cosa, la passione per la Dakar, provochi in persone semplici e anche un po' avventurose, capaci di vendersi anche la casa pur di partecipare a questa maratona nata in Africa e cresciuta poi in Sud America.
La 38. edizione della Dakar partirà fra pochi giorni e fra i suoi sicuri protagonisti ci sarà il pilota francese Stephane Peterhansel (11 volte vincitore di questa gara tanto dura), ospite d'onore ieri, salito sul palco in chiusura della serata, pronto a parlare del passato ma anche del futuro, e della Peugeot DKR 2008 che farà sognare tutti gli appassionati dal 2 gennaio.
L'ascesa serale al Piz La Ila e la bella festa al Moritzino con tutti i partecipanti ha chiuso una splendida giornata che ha visto alcuni dei protagonisti della Dakar cimentarsi con gli sci sulle nevi splendide dell'Alta Badia. Per molti di loro si trattava della prima volta sulle Dolomiti, come per esempio per lo stesso Peterhansel, e il fascino delle nostre montagne ha colpito il cuore di tutti, complice una stellata indimenticabile che venerdì sera ha illuminato i cieli di La Villa.