TransAnatolia 2017

link.png Loic Minaudier, 33° assoluto, alla sua prima Dakar


DSC01402.JPGLoic Minaudier è una delle giovani promesse della Dakar. Quest'anno ha corso la sua prima, temendo fino all'ultimo momento che non lo avrebbero preso perchè non aveva corso i 'famosi' rally mondiali che servono ad ASO per delineare l'esperienza di un pilota.

 Loic aveva corso al Transanatolia nel 2015, con ottimi risultati, corre da anni nell'Enduro, ugualmente con buoni risultati e infine era andato in Marocco per conquistarsi la sicurezza dell'iscrizione. Alla Dakar 2016 è arrivato con il team Nomade, lo stesso di Olivier Pain per capirci, e ha finito 33° assoluto. Quando è sceso dal palco non riusciva neanche a parlare tanto l'emozione era intensa, e le lacrime calde gli sgorgavano dagli occhi lucidissimi. Riusciva a ripetere solo una breve frase: “E' una magia. E' tutto magico”. E non serviva aggiungere altro. “Era così tanto tempo che lo sognavo, è una cosa folle. Ci sono state un insieme di circostanze che mi hanno fatto temere di non riuscire ad arrivare fino in fondo, ma è anche questo che dà ancora più fascino alla riuscita di un progetto. E' per questo che sono tanto emozionato...ma adesso devo continuare, allenarmi, tornare il prossimo anno e continuare a fare altri buoni risultati”. Ma non lascerà l'enduro per i rally, o almeno non ancora: “Continuerò nell'enduro, soprattutto per allenarmi, ma la mia priorità ora sono diventati i rally. Lo volevo fare fin da quando ero piccolissimo e mi piace enormemente. E' stato così tanto difficile per me – racconta Minaudier -  integrarmi in questa disciplina, cercare gli sponsor, i partner giusti. In queste ultime stagioni, a forza di mettere tutte le cose insieme ed arrivare sempre dove mi ero prefissato di arrivare... Oggi riesco solo a pensare che è magnifico fare la Dakar e arrivare alla fine. Me la sto assaporando questa soddisfazione”. E poi ricorda il suo giorno più difficile: “Il quarto giorno, quando ho rotto la ruota in speciale e non sapevo come uscirne. Ero in uno stato catastrofico e ho pensato davvero che la corsa fosse arrivata alla fine per me. Invece no, e lì ho capito che non bisogna mai arrendersi, che c'è sempre una seconda possibilità. Mai lasciar cadere le braccia, sempre crederci ed è questo che mi ha permesso di arrivare fino a qui e sentirmi così felice”. La caparbietà ed anche qualche cosa in più: lo sguardo protettivo di Richard Sainct che ha sempre vegliato su di lui, di sicuro, per tutta la gara. “Richard mi ha sempre seguito” – dice mentre gli si spezza la voce. Perchè il pilota, tre volte vincitore della Dakar era dello stesso paese di Loic, Saint-Affrique ed è stato proprio lui a metterlo in sella ad una moto, la prima volta, quando era ancora un bambino. Oggi Richard non c'è più, scomparso nel 2004 al Faraoni, ma suo papà ancora continua a seguire Loic: c'è sempre una seconda possibilità, ed è proprio lui che lo ha insegnato a questo giovane pilota di 29 anni.

Comments

There are no comments


Post a comment