KRKA 2018

link.png Pitzl vince il Croatia Rally 2016, Gambacorta secondo


pitzlUna battaglia vissuta sul filo dei secondi, e decisa solo all'ultima tappa e nelle ultime due speciali. Questo è stata la quarta edizione del Croazia Rally, conclusosi ieri sera a Primosten con una bella premiazione che ha mandato a casa tutti i 75 partecipanti con un ricordo indelebile della competizione che ogni anno si fa più combattuta.

Primosten – 28 maggio 2016 –  A detta di tutti i piloti, soprattutto dei primi cinque che hanno lottato per la classifica assoluta, la gara organizzata dalla TRX è venuta via via in questi anni maturando e migliorando, arrivando ad essere un rally divertente e molto competitivo. I distacchi contenuti nei 30 secondi dei primi tre in classifica, al via dell'ultima tappa la dicono lunga sulla battaglia che si è combattuta in questi cinque giorni in Croazia, sulla sempre splendida costa dalmata a fare da sfondo con i suoi paesaggi già estivi e meravigliosi ad una manifestazione davvero interessante.
Alla fine l'ha spuntata l'austriaco Bernhard Pitzl che con la sua Ktm si è imposto sull'italiano Giorgio Gambacorta caduto innamorato di questo territorio e già impegnatosi sul traguardo per il prossimo anno, alla ricerca della rivincita. Al terzo posto, esattamente come lo scorso anno, l'austriaco Ferdinand Krield che ha saputo risalire in classifica dopo uno scivolone inusuale per lui, avvenuto nella seconda tappa. Quarto Edi Ederer su Yamaha e quinto lo svizzero Cesare Gallina, su Ktm a cui questa gara continua a sfuggire fra le dita. Pitzl ha vinto la classe A (Light Racing Bike), lasciando la B a Kriedl (Dualsport e Rally Motorbike), mentre Gambacorta ha conquistato la Over 50. Bravissimo il ceco Zdenek Burda che al suo primo rally e alla sua prima prova di navigazione ha sbaragliato tutti gli avversari nella categoria C riservata ai bicilindrici: proprio la sua poca esperienza si è rivelata decisiva per lui perchè andando forse un po' più piano degli altri, non è incappato in errori di navigazione o nei famosi “speed limit” che quest'anno hanno pesato non poco a livello di penalità sulla classifica finale. Nella classifica femminile successo di Serena Borsi su Domenica Saul mentre la terza donna in gara, Tanja Willmann ha gareggiato nella categoria Amatori. Quest'ultima idea è una delle tante intuizioni geniali di Marco Borsi a cui ben 17 piloti su 75 partenti hanno aderito. Si tratta sempre di un rally raid, con navigazione e tutto il resto, semplicemente più corto. I piloti “Amatori” partono insieme agli altri e disputano in realtà solo la prima speciale della giornata trovandosi poi in un exit point, tracciato sullo stesso percorso degli altri e rientrando poco prima dei loro colleghi con 300 chilometri magari sulle spalle al posto di 400. Questa categoria ha visto la vittoria di Thomas Haug, tedesco su Husqvarna. 
Un applauso di due minuti a fine premiazione e una standing ovation hanno regalato a tutto lo staff della TRX, e a Marco Borsi in primis, una emozione senza precedenti: quasi tutti i piloti presenti hanno già confermato la loro presenza all'edizione 2017.

English Version

Big success in Primosten for the fourth edition. Bernhard Pitzl the best of Croatia Rally 2016.

Primosten – May, 28th – A battle lived on the thread of the seconds, and just decided from the last stage and in the last two special stages. This has been the fourth edition of Croatia Rally, concluded yesterday evening to Primosten with a beautiful prize giving that has sent at home all the 75 participants with a nice souvenir of the competition that every year became harder and harder. All the riders are agree, above all the first five who have fought for the overall standing: the race – organized from TRX - comes gradually maturing and improving, arriving to be a funny and very competitive rally. The 30 second of difference among the first riders in the classification just before the last stage say it long on the battle that they have fought in these five days in Croatia, on the splendid dalmatian coast as background with its already summery and wonderful landscapes to an indeed interesting race.
At the end the winner is Austrian, Bernhard Pitzl that with his Ktm imposed on Italian fallen in love of this Country, Giorgio Gambacorta, already hocked him, on the finishing line, for next year, searching the revenge. To the third place, exactly as last year, Austrian, Ferdinand Krield that has known go up again in classification after some problems inusual for him, in the second stage. Fourth position for Edi Ederer on Yamaha and fifth for the Swiss, Cesare Gallina, on Ktm to which this competition continues to escape among the fingers.
Pitzl has won the class A (Light Racing Bike), leaving the B to Kriedl (Dualsport and Rally Motorbike), while Gambacorta has conquered the Over 50. Very good resul for the Czech, Zdenek Burda that to his first rally and his first test of navigation has rout everybody : his short experience is revealed decisive for him because slower then the others, he didn't make mistakes of navigation or overcross the famous "speed limit" that, this year, it have weighed a lot in the penalty level of the final overall standing. In the female category success of Serena Borsi on Domenica Saul, while the third woman in the competition, Tanja Willmann, has competed in the Amatory category. This is the last one of the so many genial intuitions of Marco Borsi to which 17 riders on 75 have made part this year: it always concerns a rally raid, with navigation and the whole rest, simply shorter.
"Amatory" riders start together with the others and they dispute just the first special stage of the day, meeting then themselves in an exit point, traced on the same path of the others and reentering even just before their colleagues with 300 kilometers on the shoulders to the place of 400. This category has seen the victory of Thomas Haug, German, on Husqvarna.
An applause of two minutes at the end of the prize giving and a standing ovation has given to the whole staff of the TRX, and to Marco Borsi in primis, an emotion unprecedented: the present riders have, almost all, confirmed already their presence to the next 2017 edition.