TransAnatolia 2017

link.png Hungarian Baja 2016: vincono il prologo De Soultrait, Machacek e Lukaszewski


DSC_0100.JPGUna lunga giornata conclusasi con il prologo. Una super speciale di 11 chilometri a circa 15 chilometri dalla cittadina di Veszprem che ospita la baja magiara per l'ottava volta in 13 anni di storia. I più veloci sulla speciale che serviva a delineare l'ordine di partenza di domani mattina sono stati Xavier de Soultrait (Yamaha) per le moto, Jozef Machacek per i quad - parlando di assoluta - ma nel mondiale è stato Aldo Lami per quanto riguarda appunto i quad, e il polacco Lukaszewski fra le auto.

E' stata una lunga giormata quella odierna, a Veszprem, con le verifiche amministrative e tecniche concluse stamattina, con l'ultimo passaggio di moto, quad e UTV - le auto avevano già verificato insieme ai camion ieri - e poi gli appuntamenti con conferenza stampa e briefing, prima di lasciare spazio in centro, nella bella cittadina ungherese, al podio con le partenze.

34 fra moto, quad e UTV il gruppo della FIM, FIME ed anche Open e il più veloce sugli unidici chilometri di Super Speciale è stato il francese Xavier de Soultrait per le moto, seguito da Josef Machacek per i quad, iscritti però al solo europeo, anche se il suo tempo è comunque molto buono anche a livello assoluto. Ma andiamo per ordine. Moto, quad e UTV partivano in base all'ordine di classifica assouta di campionato e coppa del mondo, ma in senso inverso. Questo significa che i primi a partire sono stati gli UTV del Campionato Europeo, seguiti dai quad e infine dalle moto, con Xavier De Soultrait a chiudere il gruppo partenti, prima di lasciare spazio alle auto. Così, per avere la migliore prestazione, è stato necessario aspettare l'ultimo pilota, ed infatti è stato proprio il francese della Yamaha a vincere il prologo fermando i cronometri sui 7'59". Al secondo posto in un primo momento era stato dato il tempo di Alex Zanotti che in 8'07" aveva conquistato un gran bel risultato, ma una volta messe le moto in parco chiuso le cose sono cambiate, non è ancora ben chiaro il perchè ed Alex si è ritrovato terzo, alle spalle di Loic Minaudier che inizialmente era terzo. Quarto posizione per il debuttante Davide Giorgi.

Fra le auto in un primo momento i visori avevano evidenziato come miglior tempo quello di Mikko Hirvonen, partito su Mini con il numero 2, ma quando al traguardo è arrivato il 6, tale Marcin Lukaszewski su Bmw, le cose sono cambiate. Ma qui in Ungheria, così come in quasi tutte queste gare europee, è una prassi normale. Sono quasi sempre equiaggi locali, o comunque della zona a brillare nella super speciale, e così i suoi due secondi di vantaggio sul finlandese Hirvonen, non hanno stupito nessuno. Terza posizione per il G Force di Boris Gadasin e quarta per Erik Van Loon, anche lui su Mini. Su 29 vetture al via Carlo Cinotto ha chiuso in 19. posizione e suo fratello Pietro in 21. entrambi su Polaris Xtreme. Fra i camion per soli sette decimi successo del Tatra Buggyra di David Vrsecky capace di battere Martin Macik e Martin Kolomy.

Domani mattina le prime a partire saranno le auto, alle 7,30 dal paddock: 37 chilometri e mezzo di trasferimento prima della prova speciale da 148 km da ripetere due volte. Le moto prenderanno il via alle 9,30.

Ordine di partenza sabato

 


Comments

There are no comments


Post a comment