link.png Transitalia Marathon 2016 a Leonessa


Il Moto Club Leonessa ha fatto, come sempre, le cose in grande. Questo piccolo incantevole borgo in provincia di Rieti ha accolto anche quest'anno a braccia aperte la Transitalia Marathon  che per la seconda volta fa tappa in questa location da sogno.

Tutta la popolazione è al lavoro da giorni per preparare una festa indimenticabile, ma soprattutto una festa di cui ancora, i piloti, ben 225 al via quest'anno, non sanno praticamente nulla.
La piazza principale è già adobbata per l'occasione e la cittadinanza è al lavoro per preparare la cena e tutto quello che farà da contorno a questo evento che per Leonessa rappresenta davvero qualche cosa di cui andare fiera. Perchè qui l'enduro, e comunque lo sport motociclistico, ce l'hanno nel cuore e ci tengono a fare bella figura. Nonostante il sisma che solo pochi giorni fa qui si è sentito fortissimo, e continua a farsi sentire, con piccole scosse, ripetute.
Leonessa ha insistito per avere il Transitalia Marathon e Mirco Urbinati, l'organizzatore insieme al suo staff, non se lo è fatto ripetere due volte.
Ieri i 225 piloti iscritti quest'anno, provenienti da 10 Nazioni diverse, sono partiti dal Parco Fellini di Rimini e con una splendida tappa di 240 chilometri, in mezzo a montagne, sentieri e soprattutto panorami mozzafiato, grazie anche ad una magnifica giornata fatta di sole e cielo limpido, hanno raggiunto Piazza del Comune a Foligno, una delle 12 piazze più belle d'Italia.
Lì si sono riposati dopo la lunga “passeggiata” scrollandosi la polvere di dosso, dissetandosi nei bar del centro, e ritrovandosi poi al briefing all'Hotel Gentile, centro logistico della manifestazione a Foligno.
Estasiati dalla tappa, felici dei panorami e degli sterrati percorsi i piloti sono ripartiti stamattina per un altro giro di oltre 200 chilometri sulle colline dell'Umbria, in parte delle Marche e poi del Lazio, fino a raggiungere, già alle 13,30 la piazza centrale di Leonessa, un borgo medievale ben noto nella zona per le sue bellezze, le sue chiese,  i suoi chiostri. E proprio uno di questi ospiterà stasera la festa: il chiostro mediavale di San Francesco illuminato come a quei tempi, con fuochi e candele. Una cena medievale sarà la sorpresa per tutti i piloti che senza sapere nulla si ritroveranno nel chiostro alle 21 dapprima per il briefing e poi per la cena.
Festa grande quindi a Leonessa che da agosto ha attivato una seggovia che dal centro del paese porta a 1700 metri, in quota, sul Monte Tilia da dove si affaccia un balcone naturale che offre una vista a 360 gradi su Umbria, Lazio e Abruzzo. Ma Leonessa è anche sci alpino e fondo, con una nuova seggovia quadriposto di ultima generazione e una biposto: si arriva a 1800 metri e si scia, ma non basta. Sempre qui si sta lavorando su un progetto che promuova il trekking e il down hill per le bici nel 2017.
Ma stasera, qui, si parla di moto, di due ruote, ma dentate e munite di motore.
Perchè stasera, da Leonessa, passa il Transitalia Marathon 2016.

Comments

There are no comments


Post a comment