TransAnatolia 2017

link.png Van Beveren finisce al quarto posto


6 – YAMAHA -Adrien Van Beveren.jpgE' stato terzo per una buona parte della gara e lo è stato soprattutto fino alla penultima speciale. 26 anni, Adrien Van Beveren ha scoperto la Dakar da pochissimo e quest'anno si è ritrovato ad essere l'uomo di punta dell'intero team ufficiale Yamaha.

Due anni per capire come funziona la navigazione – non semplice per un crossista/endurista come lui – e per prenderci dimestichezza. Per imparare a dosare il gas e a leggere le note nello stesso tempo.
Lo scorso anno aveva chiuso la sua prima Dakar al sesto posto, passando immediatamente nell'olimpo degli ufficiali, ed anche di quelli forti. Nel suo palmares ci sono l'enduropale del Touquet, una gara leggendaria per tutti i motociclisti, ma anche l'enduro del Verano e il Campionato delle sabbie, famosissimo in Francia. In sella alla Yamaha WR450F ha corso una splendida Dakar, sbagliando pochissimo, prendendo un numero limitato di rischi, ed arrivando fino alla penultima tappa con il terzo posto assoluto. A punzecchiarlo alle sue spalle, negli ultimi giorni, era arrivato Gerard Farres, un pilota gentiluomo, bravo e semplice, spontaneo ed onesto che in questi anni, nelle sue nove precedenti Dakar si era messo in luce, nel 2012 con un settimo posto e lo scorso anno con un ottavo. Zitto, zitto Farres si era rifatto sotto con la sua Ktm privata del team Himoinsa e la cosa, anche se non lo dava a vedere, deve aver messo sotto pressione il francese che alla fine un errore lo ha commesso. E lo ha pagato carissimo, perdendo il terzo posto nella Dakar 2017 moto.
“Siamo partiti questa mattina con un distacco di soli 48” perchè ieri io sono entrato in una zona a velocità limitata troppo veloce e mi hanno dato un minuto di penalità”. Lo racconta distrutto nell'anima e nel cuore, Adrien Van Beveren sul traguardo, scuotendo la testa e dice “e ho perso il podio”. E recuperare su una speciale di 64 chilometri era un'impresa quasi disperata: “Non ho recuperato abbastanza – dice il francese – ho vinto la speciale, ma non è bastato”. E ironia della sorte la stessa frase, quasi la stessa frase la dice anche Gerard Farres, terzo assoluto alla Dakar 2017: “Sono andato più forte che ho potuto nell'ultima tappa e ho vinto la speciale”.
E allora il dubbio sorge, ma in quanti hanno vinto questa speciale? E il verdetto è davvero sorprendente, stesso identico tempo per entrambi i piloti, a significare che tutti e due ce l'hanno messa davvero tutta: 30'29” esattamente lo stesso tempo. “E' dura – ammette il francese della Yamaha – è davvero durissima. Però la mia performance è stata buona ed essere arrivato al traguardo è già un bel risultato. Quarto non è mica male alla fine di una Dakar che mi è piaciuta molto e che ho trovato molto interessante con il nuovo metodo di navigazione”.