link.png Dakar 2019? Anticipazioni sul percorso


KevinIl percorso della Dakar 2019?
E' ancora troppo presto per saperlo però, in realtà, qualche cosa è già trapelato.

Già da qualche giorno infatti è stata ufficialmente confermata la presenza del Perù, ma altro non si sapeva, almeno fino a ieri.
Kevin Benavides infatti, pilota ufficiale Honda, di passaggio ieri in Italia – dopo una sessione di test in Marocco e in attesa di partire per la prima prova di Campionato del Mondo Rallyes Tout Terrain -  ha svelato qualche cosa di più ed essendo lui argentino, è anche sicuramente più informato dei fatti.
Kevin ha confermato sì la presenza del Perù ma ha poi detto molto di più. Sembra infatti, stando alle sue informazioni, che nel 2019 la Dakar tornerà in Cile e addirittura ci tornerà con la partenza quindi con le giornate riservate alle verifiche amministrative e tecniche e poi le prime fasi della gara.
Dal Cile si passeranno poi le Ande – come ai vecchi tempi (la Dakar manca dal Cile dal 2015) - per approdare in Argentina, nella zona a nord del Paese, e quindi più conosciuta e favorevole proprio a Benavides che è di Salta, e da lì poi si risalirà in Perù che ospiterà, come già avvenne nel 2012, le fasi finali della competizione e l'arrivo.
Stando sempre a quanto anticipato dal pilota Honda HRC la Bolivia non dovrebbe più far parte del percorso della Dakar, e questa è davvero la cosa che ogni pilota o persona che abbia partecipato alla gara negli ultimi cinque anni si augura.
Proprio a gennaio infatti, ci eravamo soffermati a fare un conteggio molto semplice fra ricavi e perdite considerando quanto negativa sia stata in questi anni la presenza della Bolivia per il rally, a livello meteo, bivacchi disastrati e speciali tagliate, e quanto abbia pesato sulle iscrizioni, in marcato calo in questi ultimi anni proprio per colpa del piccolo Paese sudamericano. Spiace dirlo perchè la popolazione ha riservato a tutta la carovana del rally un'accoglienza meravigliosa, forse mai vista prima in 40 anni di storia, però i problemi creati all'organizzazione e a tutti i partecipanti sono stati talmente tanti che forse ASO ha finalmente capito che non era più il caso di rinnovare l'accordo con la Bolivia.
Al momento però si tratta di voci di corridoio, solo ad aprile, al momento della conferenza stampa ufficiale di ASO a Parigi si scoprirà con precisione il percorso della Dakar 2019.