link.png Regolarità d'epoca FMI: che fatica a Diano Marina !


Parco Chiuso Gruppo 5Non poteva essere più difficoltoso l'inizio del Campionato FMI Gruppo 5 Regolarità d'Epoca. E i suoi 245 piloti non potevano davvero essere sottoposti ad una gara più stressante e pesante.
Per questo, la soddisfazione di aver portato a casa la gara con tre prove speciali disputate su un totale di cinque non potrebbe essere maggiore. Tagliare e accorciare una prova di Campionato dispiace sempre, è ovvio, ma riuscire a chiuderla mentre per esempio in tutta la Toscana un allerta meteo costringeva ad annullare ogni evento sportivo motoristico è davvero un ottimo risultato.

D'altra parte ieri tutta l'Italia – perchè i piloti partecipanti arrivavano davvero da tutto il Paese, isole comprese – si è resa conto delle difficoltà che vive una regione come la Liguria quando la pioggia cade incessantemente per due giorni e così forte come ha fatto ieri, senza sosta, per tutta la giornata.
Stefano Passeri, track inspector, insieme al direttore di gara Fulvio Balestra, hanno lavorato insieme per far sì che la gara si potesse correre, pur in mezzo a fango e pozzanghere senza fine, e quando al termine della gara più della metà dei piloti al traguardo è arrivata dicendo “se ci fosse stato un altro giro lo avrei fatto” i due, insieme a tutto il Moto Club Imperia hanno capito che avevano svolto davvero un bel lavoro.
Dei 245 piloti al via più dell'80 per cento ha concluso la gara, e chi si è ritirato lo ha fatto soprattutto per cedimenti tecnici dei mezzi che in effetti, anzianotti come sono, hanno sofferto qualche acciacco dettato dall'umidità.
A vincere molti nomi noti ma anche i due 'novellini' - per modo di dire visto che sia Fausto Scovolo che Mattia Traversi, vincitori rispettivamente nella D5 e D4,  sono due personaggi e campioni ben noti al mondo dell'enduro - ma per la prima volta iscritti al Campionato di Regolarità d'Epoca.
Sul gradino più alto del podio a fine giornata, mentre la pioggia non accennava a smettere, sono saliti per le categorie A e B, fino al 1973, Luca Santucci su Gilera per la classe A1 riservata ai 50cc, Alessandro Degano su Ktm in A2 – 100cc – Fabio Parrini su Ancillotti per la A3 – 125cc 2T – Paolo Maria Sala su Zundapp per la A4 – 175cc 2T – Massimo Parrini su Ktm per la A5 – oltre 175cc. Nella B2 – 175cc 4T il più veloce è stato Alberto Gennaro su Moto Morini, mentre nella classe B3 – oltre 175cc 4T – vittoria schiacciante di Giancarlo Donadio su Honda.
Nella classe C, moto fino al 1976, la C1 riservata ai 50cc 2T ha assistito alla vittoria di Nazzareno Artifoni su Puch mentre nella C2 – 75cc 2T – Pietro Caccia su Ancillotti ha sbaragliato gli avversari. Alberto Laneri su Ancillotti ha conquistato la C3 – 125 cc 2T – mentre Enrico Tortoli su Ktm si è portato a casa il primo posto nela C4 175cc 2T – e Valter Testori su Ktm la C5 – 250cc 2T. Successo per Giorgio Goldoni su Ktm nella C6 – oltre 250cc 2T.  Federico Fregnan su Fantic ha battuto di misura Mario Negrini nella D1 – 50cc 2T (le classi D comprendono le due ruote fino al 1981) mentre per soli 7 secondi Giuseppe Vernagallo conquista la D2 – 80cc 2T – e Stefano Bosco su Kramer vince la D3 – 125cc 2T – con Philipp Sparer che con un Maico per soli 9 secondi agguanta la vittoria in D6 – oltre 250cc 2T.
Per le classi X fino al 1983, la X1 premia Riccardo Terranova su Cagiva mentre Andrea Stucchi vince la X2 e Michele Ferrari la X3 con Andrea Purinan primo per soli 4” su Ettore Rivoltella nella X4. Per il Moto Club Imperia Giorgio Volpi conquista la T80RS mentre il titolo squadre a Diano Marina va al Moto Club Pantera primo sul Grumello Benini Vintage A – sezione del Moto Club Bergamo che a sua volta batte il Grumello Benini Vintage B.
Il prossimo impegno, si spera con meno umidità, a Manzano, in Friuli, con il Moto Club omonimo il 25 marzo: gli organizzatori hanno già annunciato al termine della gara ligure sole, caldo e buon vino.