link.png Despres vince la sua prima tappa con il Buggy X Raid


despres.jpgQuando le cose finalmente girano bene sono tutti più contenti Questo vale oggi per il team X Raid visto che finalmente il Buggy due ruote motrici ha vinto una speciale, la quarta di questo Rally du Maroc 2018. Cyril Despres regala questa soddisfazione al team tedesco dopo l'altra soddisfazione arrivata nei giorni scorsi da Kuba Przygonski che ha vinto la Coppa del Mondo FIA di specialità. E Carlos Sainz?...beh oggi abbiamo sfiorato la doppietta X Raid buggy, e magari la tripletta per il team, perchè El Matador ha tirato fuori dal suo due ruote motrici tutto il possibile. Peccato che a dodici chilometri dal traguardo Carlos sia rimasto fermo per un problema tecnico chiudendo sul traguardo in ottava posizione.

Stamattina sotto un cielo grigio e con un forte vento da nord le vetture di questo Rallye du Maroc 2018 hanno lasciato Erfoud per la quarta tappa, la più lunga di tutta la gara con i suoi 342 chilometri. Davanti a tutti è partito Kuba Przygonski che ieri aveva vinto la sua prima speciale quest'anno in Marocco tirando un po' su il morale al team X Raid. Una squadra che oggi ugualmente ha festeggiato la vittoria di Cyril Despres: la prima che il pilota francese condivide con il suo nuovo copilota 'Polo' Cottret, la prima a bordo del Mini John Cooper Works Buggy, la prima che condivide con il team X Raid, la prima in questo rally del Marocco. Non male come serie di soddisfazioni per il pilota francese che giorno dopo giorno prende sempre più la mano alla guida di un mezzo che non è particolarmente diverso dalla Peugeot che ha portato in gara fino a pochi mesi fa. Cyril Despres ha vinto infliggendo 5'17" a Nasser Al Attiyah - secondo - il che si rivela utile in termini di calcoli per i prossimi appuntamenti agonistici. 

A fine giornata Nasser Al Attiyah (Toyota) incrementa il suo vantaggio in classifica assoluta e si porta a 18'12" sullo stesso Przygonski che ha ottenuto il terzo tempo di tappa con la sua Mini davanti al Ford Raptor di Martin Prokop. L'arabo della Toyota, Yasir Seaidan ha di nuovo effettuato una bella speciale portando a casa un quinto posto di giornata, per pochi secondi davanti a Harry Hunt che riesce a finire questa tappa con la sua Peugeot DKR intatta.

Carlos Sainz dal canto suo ha disputato una speciale da urlo ! El Matador è partito sedicesimo stamattina il che significa trenta minuti dopo il primo. E da quel momento ha recuperato posizioni e minuti fino a portarsi alla quinta posizione di giornata quando alla fine della speciale mancavano poco meno di trenta chilometri.

Domani si riparte per l'ultima tappa e Nasser Al Attiyah è sempre più vicino alla sua quinta vittoria consecutiva del Rally du Maroc, anche se questa edizione davvero non ha nulla a che fare con quelle che l'hanno preceduta.