link.png Il Cile entra a far parte del calendario WRC 2019


pubblico cileApparentemente innocua la notizia della nuova entrata del Cile nel calendario del WRC deve invece far riflettere gli appassionati di rally raid. E già perchè se il Cile, che aveva promesso alla Dakar di tornare a far parte del suo percorso nel 2020, ora ha investito le sue risorse economiche nel WRC siamo davvero sicuri che avrà di che pagare quanto chiesto da ASO per il passaggio della sua gara?

Alla fine della scorsa settimana la FIA ha presentato il calendario provvisorio del Campionato mondiale rally e fra Montecarlo, Svezia, Messico, Corsica, Sardegna e tanto altro ancora spicca la novità del Cile. La gara dovrebbe disputarsi due settimane dopo l'Argentina che in questo momento figura nel calendario come quinta prova 2019, in programma dal 25 al 28 aprile. Il Cile dovrebbe ospitare il WRC a maggio, per la precisione dal 9 al 12.

Bene, una bella notizia per gli appassionati di rally e anche per tutti i cileni appassionati di motori, ma la chiave di lettura offre spunti contrastanti invece se si pensa alla Dakar. Pochi mesi fa si discuteva proprio dalle nostre pagine e non solo, sul futuro percorso della Dakar, parlando appunto della conferma sottolineata, anche a livello governativo, del Cile per il 2020. Ora però, conoscendo le risorse economiche e finanziarie del Paese sudamericano, le probabilità che si riesca a far fronte ai due eventi, che richiedono comunque un impegno che tratta di milioni di dollari e non certo di qualche migliaio, sembrano minimee qualche dubbio sorge spontaneamente.

Subito dopo la Dakar 2018 in Cile si parlava di due eventi motoristici : la partenza della Dakar 2019 e il WRC. Il secondo è andato in porto, regalando alla popolazione un evento enorme e di grande rilevanza che farà felice tutti i numerosi appassionati (da una ricerca è emerso che il secondo sport più seguito in Cile dopo il calcio è proprio il rally), il primo no. 

Già nel luglio di quest'anno inoltre, il Cile e la sua capitale, Santiago, avevano ospitato la Formula E, il Campionato per rmonoposto elettriche, ed anche in questo caso si era trattato di una anteprima.

La gara, disputata in un circuito cittadino che non veniva utilizzato dal 1950, ha ottenuto un gran successo e sicuramente la FIA sta legandosi sempre più a questo Paese. Quest'anno la Formula E, nel 2019 il WRC...e conoscendo la scarsa simpatia che la FIA ha da sempre dimostrato per la Dakar potrebbe essere proprio la Federazione internazionale a pesare sulle scelte future del Paese.

Dal canto suo ASO attraverso Etienne Lavigne direttore generale della Dakar nei giorni scorsi ha rilasciato un intervista all'agenzia EFE cilena affermando che proprio in questo mese di ottobre avrà un incontro con le autorità del Cile e dell'Argentina per discutere sulla possibilità di far rientrare i due Paesi nel percorso della Dakar 2020.