HUG-S Motorsport

link.png Africa Eco Race, due giorni intensi fino a Dakar


bottu ullevalL’ultima tappa dell'Africa Eco Race fra Akjoujt in Mauritania e Saint Louis in Sénégal si è svolta in maniera perfetta. A cominciare dalla speciale di quasi 218 chilometri che prendeva il via direttamente dal bivacco pr raggiungere Fimlit, un piccolo villaggio a circa  80 km da Nouakchott. Una pura formalità, in effetti, per i leader delle diverse categorie.

E ieri sera al bivacco di Saint Louis è cominciata già la festa che è continuata poi oggi sulle rive del Lago Rosa e ancora a Dakar. E già perchè stamattina il sole non si era neanche alzato quando i concorrenti hanno lasciato il bivacco di Saint Louis pronti a raggiungere Niokhob, a una cinquantina di chilometri dalla capitale. Come vuole la tradizione è sulla spiaggia che i concorrenti hanno preso il via dell'ultima giornata di questa 11. edizione dell' AFRICA ECO RACE. E come sempre sul Lago Rosa sono venuti in tanti per festeggiare gli eroi che sono riusciti a raggiungere Dakar dopo oltre 4000 chilometri di prove speciali.

Al termine della speciale il podio, che chiude ufficialmente la 11. edizione della gara che partita da Montecarlo il 30 dicembre ha portato i concorrenti a Dakar dopo 12 tappe e 6000 chilometri complessivi.

Botturi vincitore della sua prima Africa Eco Race
Una volta passato il momento di commozione suscitato da Alessandro Botturi al traguardo delultima speciale, che dedicava la vittoria a sua mamma scomparsa tre mesi fa, il vincitore e il secondo classificato Pal Anders ULLEVALSETER si sono abbracciati forte. Una prova di fraternità e rispetto fra due campioni della moto, veri eroi del deserto. Poco meno di due ore prima i due avversari, separati da 7 minuti praticamente dal primo giorno di gara, si erano lanciati in speciale come due pazzi. Improvvisamente sulla sua KTM Pal Anders aveva deciso di giocarsi il tutto per tutto attaccando al 200% e obbligando Alessandro a correre come mai aveva fatto fino ad oggi con la sua  YAMAHA. Alla fine, Pal Anders ULLEVALSETER ha vinto questa ultima speciale con 2’14’’ su Alessandro BOTTURI ma ha perso il rally per 5 piccoli minuti, dopo oltre 4000 chilometri di prove speciali. Però il norvegese può almeno consolarsi con il titolo della classifica Veteran.  Dietro di lui c'è Simone AGAZZI che non ha rischiato troppo con la sua HONDA proprio per conservare il terzo gradino del podio, così come ha fatto Felix JENSEN, 4° esattamente come nel 2018, davanti al compagno di squadra, suo e di ULLEVALSETER, Francisco ARREDONDO. Patrice CARILLON chiude in 6. posizione. In classifica è lui il primo pilota della categoria Camion casse, meglio conosciuta come Malles Moto e cioè quei piloti che senza meccanico al seguito si fanno assistenza da soli, affidando il loro bagaglio, ricambi compresi, al camion dell'organizzazione. Menzione speciale per Franco Picco che chiude la speciale della 12. tappa quinto, a 64 anni e alla giovane francese, Julie VANNEKEN che è riuscita a raggiungere il traguardo di questa AFRICA ECO RACE in 30. posizione, senza aver mai calato un jolly e aver quindi saltato una tappa. Bravo Paolo Caprioni, 31° assoluto ma primo della categoria Over 700.