HUG-S Motorsport

link.png Botturi seconda vittoria su 3 tappe


botturi assaAssa – Tre tappe e due vittorie. Alessandro Botturi con la sua Yamaha si è presentato per primo oggi sulla linea d'arrivo della terza tappa dell'Africa Eco Race 2019. 415 chilometri complessivi di cui 400 di prova speciale e Botturi ha vinto, di nuovo.

Pal Anders Ullevalseter è arrivato poco dopo il pilota di Lumezzane che stamattina però era partito dalla seconda posizione e quindi a due minuti dal norvegese. Il distacco all'arrivo di 2'38” ha confermato la vittoria di tappa di Botturi che ora guadagna un po' nella classifica generale che comanda con 7'07” su Ullevalseter.
La tappa, assolutamente più scorrevole rispetto a quella di ieri, non era comunque facile, come dichiarato al traguardo “Un'altra speciale bellissima, e di nuovo divertente. Ma non era affatto facile – ha spiegato Botturi. - C'erano diversi trabocchetti nella navigazione e bisognava stare attenti a non sbagliare. Ho corso per un bel po' alle spalle di Ulleval perchè non era facile passare, bisognava fare molta attenzione alla polvere e ai sassi, moltissimi, ovunque. Così ho aspettato e alla benzina, a metà speciale, ci siamo trovati. A quel punto lui mi ha detto che potevo partirgli davanti e che lui si sarebbe accontentato di seguirmi. Ho accettato volentieri e da quel momento abbiamo viaggiato a distanza ravvicinata”.
Ai giornalisti che lo aspettavano all'arrivo di tappa Botturi ha raccontato la sua speciale ma si è anche soffermato sulla gara, dopo tre giorni di speciali. “Questa gara è davvero bellissima e divertente e spero di aver dato il buon esempio a tanti altri miei colleghi. Il prossimo anno devono venire a vivere questa avventura, godendosi ogni giorno, come sto facendo io, queste piste e questi paesaggi. Il road book è un capolavoro e questo rende ancora più divertente la mia avventura”.
Al bivacco di Assa, a circa 15 chilometri dalla cittadina marocchina, finalmente con una temperatura quasi estiva, Botturi ha mangiato qualche cosa e poi si è messo subito al lavoro sul road book di domani sapendo bene che cosa lo aspetta per la quarta tappa. Un'altra prova speciale impegnativa e soprattutto molto lunga. I chilometri della quarta tappa da Assa e Fort Chacal sono 495,57 di cui ben 492 di prova speciale e il paesaggio comincerà a trasformarsi. Piste rapide per cominciare e un po' di vegetazione ma poi le grandi distese senza grossi riferimenti che renderanno la vita dura in termini di navigazione. Ma questo è quello che piace al Bottu ed è per questo che sta già studiando il road book.