link.png Nasser Al Attiyah al Merzouga Rally con un Can Am di South Racing


Al Attiyah LorenzoRicordate la celebre frase di Nanni Moretti? "Mi si nota di più se vengo e sto in disparte o se non vengo per niente?" In questo momento questa frase si adatta benissimo a Nasser Al Attiyah, estromesso per problemi politici dalle due prove di Coppa del Mondo FIA Bajas e Cross Country che si sono disputate e si disputeranno in Dubai e Abu Dhabi, insomma negli Emirati Arabi Uniti...ma lui ha trovato ugualmente modo per far parlare di sè.

Essere al centro dell'attenzione. Sempre e comunque. Anche quando magari i tuoi modi di fare non sono troppo simpatici a tutti e il tuo atteggiamento non convince. Ma la simpatia in certi casi non conta, specie se a non provare empatia nei tuoi confronti sono soprattutto gli addetti al settore mentre il pubblico, al contrario, ti idolatra, senza sapere bene cosa c'è dietro la facciata. Questo, ahimè, vale per moltissimi personaggi famosi, in qualsiasi settore, ma in questo momento particolare concentriamoci sui fatti.

Nasser Al Attiyah ha vinto il recente Manateq Qatar Cross-Country Rally, corso a fine febbraio nel suo Paese con la Toyota Overdrive Racing e ha fatto ampiamente parlare di sè la settimana scorsa quando ha portato in giro per i 'suoi' deserti un personaggio come Jorge Lorenzo - in Qatar per la prima prova di Campionato - su un pick up velocissimo e incredibilmente performante. I video dei due all'interno del mezzo e soprattutto delle follie e i brividi che ha fatto provare il pilota rally raid al pilota del Moto Gp hanno fatto il giro del mondo e in questo modo Nasser è riuscito a concentrare l'attenzione su di sè distogliendola in parte dai suoi 'colleghi' che stavano correndo in Dubai alla International Baja. E sì che di argomenti interessanti in quella Baja ce ne sono stati parecchi, a cominciare dal fatto che Sven Quandt per scusarsi con Kuba Przygonski della squalifica rimediata a fine gara in Qatar ha dato al pilota polacco il buggy due ruote motrici da provare e portare in gara magari con la speranza di vederlo vincere. E Kuba non ha deluso le aspettative ed ha vinto regalando la vittoria al team tedesco nella gara di due giorni - dal 7 al 9 marzo - e soprattutto portando per la prima volta al successo, insieme a Timo Gottschalk, il MINI John Cooper Works Buggy.

Fino ad oggi Przygonski, arrivato alle auto dopo una serie di successi e gare in moto, aveva guidato solo 4 ruote motrici e si trattava della prima volta per lui alla guida di un buggy : partito dalla settima posizione, e nonostante una foratura, il duo polacco/tedesco è stato capace di chiudere entrambe le prove speciali, di oltre 200 chilometri, in seconda posizione e questo è valso loro la vittoria assoluta davanti alla Peugeot DKR 3008 dell'arabo Al Qassimi e al Ford Raptor di Martin Prokop, terzo.

Nonostante questo vi sfido a trovare una o più foto del Buggy X Raid contro una caterva invece di immagini di Nasser Al Attiyah e Jorge Lorenzo.

Non pago della sua recente notorietà extra settore Al Attiyah si è messo ad escogitare qualcosa per evitare che di nuovo si trascuri la sua figura fra due settimane, quando la Coppa del Mondo FIA Cross Country approderà di nuovo negli Emirati Arabi dove i cittadini del Qatar, appunto, non possono entrare, per l' Abu Dhabi Desert Challenge che si correrà dal 30 marzo al 4 aprile. Come e cosa ha fatto? Semplice, ha deciso di iscriversi alla decima edizione del Merzouga Rally. Con cosa? Un Can Am della South Racing, in questo momento il più affidabile e performante del panorama mondiale.

I partecipanti al Merzouga Rally, in programma dal 31 marzo al 5 aprile, sono avvisati !