link.png Croatia Rally Dalmatia 2019: pronti a partire !


Gallina CroatiaIl Croatia Rally della TRX e di Marco Borsi arriva alla sua settima edizione. Sabato 18 maggio si apriranno le verifiche a Primosten, come di consueto, per dare il via poi alla gara vera e propria il giorno dopo, domenica, con un prologo di 13 chilometri che farà classifica ma servirà anche a determinare l'ordine di partenza della prima tappa di lunedì. Come da tradizione sono 4 le tappe, inframezzate da un giorno di riposo, mercoledì 22, e i chilometri saranno 1200 per gli Expert e un 30 per cento in meno circa per gli Amatori. Record di iscrizioni quest'anno !

Il maltempo ha flagellato in questi giorni anche la Croazia e per questo il controllo finale del road book per il Croatia Rally 2019 è partito solo martedì 14 maggio. Marco Borsi però, il boss di TRX, non è affatto preoccupato: “I lavori di scrittura sono già terminati – conferma l'ex pilota oggi organizzatore di diverse manifestazioni nell'ambito dell'enduro e dei rally – e i road book sono stati preparati in versione semi definitiva. Martedì siamo partiti per controllare le note, una ad una e confermare, come ormai facciamo da diversi anni, un road book a 'modifiche zero'. Abbiamo cominciato i controlli sul campo e dato il maltempo dei giorni scorsi siamo usciti con due squadre”. Martedì i controlli sono partiti da Primosten con le due squadre che si sono divise i compiti: alla prima è stato affidato il controllo del road book della prima tappa tracciata nella zona di Drniš a nord di Primosten e lunga circa 220 chilometri, mentre la seconda è andata in Bosnia per ricontrollare la tappa 2, la più lunga del Croatia Rally di quest'anno con i suoi 440 chilometri.  “Abbiamo – prosegue Borsi – anche testato il sistema Trakker che utilizzeremo durante il rally per controllare i tempi di risposta alle emergenze: possiamo dire che abbiamo simulato una gara vera e propria per metterci alla prova e siamo soddisfatti del risultato”. Mercoledì e giovedì i controlli della terza e quarta prova che misureranno rispettivamente 350 e 200 chilometri sono proseguiti: “Anche in questa settima edizione il percorso conterà un totale di circa 1200 chilometri per gli Expert mentre gli Amatori potranno affrontare un percorso ridotto del 30 per cento circa, meno impegnativo anche in fatto di prove speciali”.

E dopo i check su speciali e sistema di trakker Borsi ammette : "Abbiamo terminato tutta la rilettura sul campo dei road book e ora stamperemo tutto il materiale necessario. Certo non è stato semplice perchè le squadre hanno trovato un vero tempo da lupi. In Bosnia addirittura c'era la neve in certi passaggi e i nostri ragazzi dello staff sono stati sferzati dalla pioggia per tutto il tempo, mentre in Croazia si sono imbattuti in un vento fortissimo. Per fortuna oggi la situazione si è calmata". Vestiti pesanti e giacche impermeabili dunque per i 90 iscritti: "Sì davvero ! - sorride Borsi, dimostrando tutta la sua soddisfazione per il numero dei partecipanti. - Siamo in novanta quest'anno e si tratta del record in sette edizioni. Avevamo poco più di 100 iscritti ma come sempre accade all'ultimo momento c'è sempre qualcuno che cambia idea e siamo rimasti in novanta, confermati. Le Nazioni si provenienza sono sempre le solite, Germania, Austria, Svizzera, Italia e anche Francia stavolta".

Le verifiche a Primosten andranno avanti per tutta la giornata e anche nella mattinata di domenica: alle 12 il consueto briefing e poi via verso il prologo con una piccola tappa di circa 60 km e una prova speciale di 13 che definirà l'ordine di partenza ma farà anche classifica.