TransAnatolia 2017

Marek Dabrowski, ricominciare una carriera

Marek DabroMarek Dabrowski è un motociclista che ha partecipato a numerose Dakar (ben 12 edizioni) e tantissimi altri rally nella sua lunga carriera. Polacco, nelle fila del team Orlen, Marek ha corso insieme a Czachor e Kuba Przygonski, sempre in sella alla Ktm. Dal 2013 ha deciso di cambiare carriera e insieme ad uno degli altri motociclisti del suo team, Jacek Czachor ha preso in mano un volante e ha provato la Toyota Overdrive. Un vero e proprio colpo di fulmine.

Intervista a Peterhansel: fra curiosità ed aneddoti,

Qualche settimana prima della Baja di Spagna e della notizia della partecipazione di Stephane alla gara, abbiamo scambiato qualche parola, subito dopo la sua vittoria in moto, alla Baja di Romania...Cominciando proprio da quei test della X Raid che gli avevano impedito di venire a correre in Sardegna, come aveva invece fatto negli ultimi due anni. Con la Mini versione Dakar 2014, Stephane correrà alla Baja d'Aragon, da domani, e poi al Sertoes in Brasile.

Cyril Despres dopo la sua prima gara su Yamaha

CyrilEra ovvia. Anzi scontata. Ti pare che Cyril Despres viene in Sardegna a fare la sua prima gara della carriera con una Yamaha e non gli si chiede come è andata? Ma ti pare che lo rimandiamo a casa senza mettere il naso nelle sue prime sensazioni? Scambiate alla sera, nella discoteca che ospitava la premiazione, davanti ad un cocktail, a quattr'occhi.

Laia Sanz, nessuna come lei

Laia bivaccoQuesta lunga intervista con Laia Sanz è stata realizzata alla fine della Dakar 2013, all'ultimo bivacco, in tutta tranquillità..si fa per dire visto che Laia riceve un mare di telefonate tutto il giorno per collegamenti radio, interviste ed altro. Non l'ho pubblicata fino ad oggi perchè l'avevo realizzata prima di tutto per Enduro Magazine, il magazine francese e poi per Scout Motorbikers e non è professionale uscire con lo stesso materiale. Per cui, ora che tutti e due l'hanno già pubblicata posso proporla anche ai lettori di WRR.

Franco Picco e le sue fatiche

franco piccoL'inossidabile Franco Picco - alla sua 20esima Dakar -  arriva al bivacco intorno alle 18, con la 73esima posizione di tappa. Viene dal lungo trasferimento di quasi 300 chilometri ed è un po' stufo ma accetta di fare un riassunto di quanto accaduto fino a qui, come gli sembr ail percorso, come vanno i suoi ragazzi, Fabio Mauri e Paolo Sabbatucci e ci dà le ultime anche su Franco Panigalli.

Alessandro Botturi a 360 gradi

Alessandro Botturi partirà fra pochi giorni per la sua seconda Dakar con il team Husqvarna by Speedbrain. ProprioAlessandro Botturi stasera all'Oratorio San Sebastiano di Lumezzane il pilota bresciano organizzerà una presentazione per amici e tifosi, e parlerà della sua prossima Dakar. Ecco in anteprima una bella chiacchierata con lui, a 360 gradi, per scoprire un po' di più il campione di enduro, ora votato ai rally raid. Allenamento, navigazione, le sue passioni, il timore di non fare la gara quest'anno, l'idea da sempre di finire la sua carriera con una Dakar. Per conoscere un po' meglio un grande pilota, ma anche una bella persona, semplice, quasi timida, solare e sincera.

Due chiacchiere con David Castera, sul percorso, su Fiambalà, sui concorrenti esclusi....

Direttore sportivo della Dakar, disegnatore del percorso, David Castera è - secondo me - il personaggio carismatico che questa gara cercava. Negli anni è andato via via affinando la sua esperienza finendo per conquistare anche i piloti più scettici. David ha sulle spalle un palmares non da poco fra gare di enduro, Bol d'Or, Gilles Lalay Classic e un sacco di altri successi che ne hanno fatto un pilota ben conosciuto. Oggi si è un po' ingrassato, e forse in moto non ci va più quanto vorrebbe, però ha il merito di aver disegnato una gran bella gara, anche per questo 2013. E facciamocela raccontare da lui, ma non solo...cerchiamo anche di capire con lui, i criteri di scelta dei piloti che possono fare questa gara effettuati dalla stessa ASO.