HUG-S Motorsport

Il Perù dice no alla Dakar 2015

David Casteu sul parco di partenza a Lima.jpgIn attesa della data fatidica del 26 marzo, quando a Parigi ASO presenterà la prossima edizione della Dakar 2015, si comincia a delineare qualche notizia sul percorso, soprattutto basandosi sui "sentito dire" e i pettegolezzi. Al momento - di certo - si sa che il Perù ha detto no alla Dakar, o meglio, ha detto che i soldi che la Dakar chiede per passare nel Paese servono ad altre cose più utili...come dar loro torto?

Svelata la Dakar 2015

A Parigi, in Rue Cimarosa, proprio di fronte all'ambasciata argentina della città, si è tenuta oggi la prima conferenza stampa 2014 relativamente alla Dakar 2015. Finalmente svelati i tre Paesi che attraverserà quest'anno la gara, con partenza ed arrivo da Buenos Aires, esattamente come le prime edizioni da che la gara di corre in Sud America. Tappa di riposo a Iquique in Cile.Conferenza stampa

Le prime indiscrezioni sul percorso della Dakar 2015

Dal Sud America arrivano le prime indiscrezioni sul percorso della Dakar 2015. In realtà sono più o meno sempre le stesse di cui si sta parlando in questi giorni. Partenza il 5 gennaio ed arrivo il 20, quindi una quindicina di giorni di gara. Percorso un po' più lungo e 4 Paesi da attraversare.

Percorso Dakar 2015: ora è ufficiale

cartina dakar 2015In realtà bisognerà aspettare il primo di aprile - e non sarà uno scherzo - per conoscere nel dettaglio le tappe della Dakar 2015. In questo momento, davvero, non le sa nessuno, anche se nelle interviste in videochannel alle autorità argentine, cilene e boliviane abbiamo cercato di carpire qualcosa. Si sa però che in Bolivia andranno tutti quest'anno, meno le assistenze...forse.

Svelata la nuova Peugeot 2008 Dakar

PeugeotAlla presentazione di Parigi, il 26 marzo avevano detto che la vettura che tornerà alla Dakar per la Casa francese sarebbe stata presentata in anteprima a Pechino, il 20 aprile. E a pochi giorni dal Salone cinese ecco le prime immagini della 2008 DKR che arriva alla Dakar per dichiarare guerra a tutte le altre vetture !

Peterhansel commenta l'avvento di Botturi in Yamaha France

PeterhanselStephane Peterhansel si sta godendo gli ultimi giorni di vacanza nella sua casa in Corsica, insieme alla sua compagna, Andrea Mayer. Se li gode perchè fra un po' ricominceranno i test della 2008 Dkr, la nuova Peugeot con cui affronterà la Dakar 2015, in team con Sainz e Despres. E così passiamo qualche minuto parlando di Botturi e del suo contratto in Yamaha France...

Guasch in squadra con Pedrero?

Marc GuaschQuando abbiamo incontrato Joan Pedrero all'Eicma di Milano, la scorsa settimana, lui ha annunciato, nell'intervista visibile in videochannel che correrà la Dakar 2015 con la Yamaha preparata dalla JVO racing, una vecchia conoscenza in terra spagnola. In quell'intervista però non rivelava il suo mochilero perchè non poteva ancora farlo, ma il sospetto è che si possa davvero trattare di Marc Guasch...

Aspettando Parigi per...Dakar 2015

DSCN8913.JPGTutto pronto per la conferenza di presentazione di Parigi, prevista per mercoledì mattina alle ore 10 al consueto Pavillon Gabriel nell'omonima strada, a pochi passi da Place de la Concorde. Ma nel frattempo ci sono piccole notizie e curiosità che vengano annunciate in anticipo rispetto alla conferenza che rappresenta poi il momento di incontro per tantissime persone coinvolte nella Dakar 2015.

Dakar 2015: 645 mezzi caricati sulle navi per l'Argentina

Bisarche MiniLa scorsa settimana dopo la conferenza di presentazione di Parigi tutti si sono trasferiti, o quasi tutti, a Le Havre dove, come di consueto, si sono svolte le operazioni di imbarco dei mezzi ed anche le prime verifiche tecniche, con montaggio della strumentazione annessa. 645 i mezzi che stanno per partire attraverso l'Atlantico alla volta di Buenos Aires.

Parliamo di Peugeot DKR 2008 con Carlos Sainz

carlos peugeotE' senza dubbio il pilota più esperto su due ruote motrici che in questo momento Peugeot utilizzi nel suo team ufficiale. Negli ultimi due anni Carlos Sainz ha guidato alla Dakar il buggy di Nasser Al Attiyah e nel 2014 quello di Philippe Gache. Ovvio quindi che sia mitragliato dalle domande sullo sviluppo della DKR 2008 che prosegue a ritmo serrato. WRR non poteva mancare al fianco del madrileno...ecco quindi una chiacchierata con il campione del mondo rally: El Matador, Carlos Sainz.

Nella tana della Mini, a Monaco di Baviera

Mini round tableQuesta mattina nella fredda Monaco, sotto un cielo bigio, la Mini ha aperto le porte del suo nuovissimo museo tutto dedicato alla mitica Mini. E proprio in occasione della visita guidata a questo gioiellino di storia, moda, e curiosità, Jochen Goller, senior vice presidente Mini ha parlato di presente e di futuro, confermando la continuazione della collaborazione con X Raid fino alla Dakar 2017.

Tecnosport alla Dakar con una nuova Patrol

Nissan Patrol webEra da tanto tempo che Tecnosport accarezzava l'idea di una nuova vettura, sviluppata tutta da loro e costruita completamente in Italia. L'abbiamo vista con Miki Biasion in Marocco, ma ora ce n'è una seconda, che affronterà la Dakar con Denis Berezowski alimentata da un motore  derivato dalla serie da 5.6 L. Eccola in anteprima con tutte le sue particolarità.

Il team di David Casteu: una squadra prestigiosa

team casteuUna presentazione in grande stile. A Nizza, alla presenza del sindaco della città e di Etienne Lavigne, direttore della Dakar che non partecipa spesso a presentazioni private. Eppure per David ha fatto un'eccezione, e l'ha fatta soprattutto per il suo team di sei piloti - lui compreso - che correrà alla Dakar 2015. "Sono venuto per David - ha detto Lavigne - che è un amico e che stimo moltissimo, ma sono venuto anche per ringraziare il sindaco di Nizza che è un sostenitore dello sport".

Oui, je suis Polò Cottret

Polò CottretGiunto alla sua 29. Dakar, almeno crede di ricordare che sia la ventinovesima, il copilota di Stephane Peterhansel, uno dei migliori del circus della Dakar traccia un profilo del suo team, del lavoro svolto finora e di quello ancora da svolgere con la sua proverbiale chiarezza e puntigliosità. Una bella intervista con Cottret su questa nuova esperienza e su quello che li aspetta, nel bene e nel male, nella loro prossima avventura sudamericana.

Robby Gordon, l'unico americano al via

Robby GordonAnche quest'anno è lui uno degli outsider della Dakar, nella categoria auto. Lui ci prova, anche questa volta, e sempre con un mezzo americano che lui chiama amichevolmente "truck" perchè così si chiamano questi veicoli negli USA. Su 53 nazioni presenti al via lui è l'unico che rappresenta gli Stati Uniti...per la precisione la mitica California.

Un primo gennaio fatto di verifiche

TecnopolisComodamente seduta sui divanetti della Vip Lounge di Madrid, aspettando la mezzanotte per brindare, e mezz'ora dopo volare verso Buenos Aires facci il punto sulle verifiche amministrative e tecniche che cominciano domani mattina di buon ora a Tecnopolis. Si comincia alle 8 e si va avanti fino alle 23 mentre il 2 gennaio si comincia sempre alle 8 di mattina ma si chiude a mezzanotte. Il 3 invece, come sempre, è il giorno dedicato ai VIPS, dalle 7,30 alle 13 perchè poi si scappa al briefing e poi alla sfilata che quest'anno ci porterà alla Casa Rosada.

Dakar 2015: diamo i numeriiiiii

Per gli appassionati delle statistiche e dei numeri qualche curiosità aspettando l'inizio di questa 37. edizione, settima in Sud America. Tante curiosità sulle partecipazioni e su tutto quello che avviene su una gara come la Dakar: il numero dei concorrenti, l'età del più giovane e del più anziano, le ore di trasmissione, i medici e i veicoli, fino al numero dei pasti serviti sul bivacco.

Dakar 2015, primo gennaio: buongiorno Argentina

Buenos AiresE comincia così la settima Dakar in Sud America, con una pioggerellina fastidiosa che cade su Buenos Aires, scurita da un cielo bigio, carico di nuvole. Di sicuro il maltempo coglie di sorpresa chi atterra stamattina in Argentina, ma la temperatura praticamente perfetta, compresa fra i 18 e i 25 gradi, con un bel venticello fresco è quanto di meglio si poteva sperare di incontrare.

Motociclisti italiani, in attesa delle verifiche

Brioschi e ZacchettiIn un angolo del paddock, accanto al camper di Fabio Mauri c'è il primo nugolo di piloti italiani, moto. Sotto la piccola tendina del camper stesso ci sono Francesco Catanese, che non ha spazio a sufficenza sotto la copertura e batte la testa a ripetizione, il nuovo acquisto, Cesare Zacchetti che appena arrivato è stato subito adottato da tutti gli altri, DIocleziano Toia e i fratelli Brioschi che in realtà hanno la moto sotto il gazebo del team spagnolo Pedregà, insieme alla Ktm di Seminara.

Al centro dell'attenzione: Guerlain Chicherit

GuerlainSi sentirà molto osservato Guerlain Chicherit durante questa avventura. La nuova Dakar 2015 per lui sarà un banco di prova importantissimo. A lui infatti, è stato affidato il compito di sviluppare quel veicolo che in futuro prenderà il posto della Mini in X Raid e anche in casa Mini, ovviamente. Due ruote motrici, buggy nell'animo, i lavori sono già cominciati a giugno ma ora si comincia a fare sul serio. E a tenerlo d'occhio non sarà solo il suo team.

Il briefing sancisce l'inizio ufficiale della Dakar 2015

Briefing dakar 2015L'attesa per il briefing tiene i piloti sotto il sole per quasi un'ora. Dapprima annunciato per le 13 del tre gennaio, poi anticipato alle 12,30, poi nuovamente posticipato alle 13. Per il pubblico è una manna perchè i piloti sono tutti lì, tutti insieme, disponibili a farsi fotografare, a firmare autografi, ed è il momento in cui più di ogni altro gli appassionati argentini si stringono attorno ai protagonisti della Dakar.Fra un'ora arriverà invece l'abbraccio del pubblico sulle strade di Buenos Aires transennate per l'occasione.