HUG-S Motorsport

Prima tappa annullata sulla Dakar 2016

Mai inizio fu più complicato. Dopo l'incidente di ieri i mezzi stamattina hanno lasciato il bivacco di Rosario pronti ad affrontare la prima tappa e anche la prima vera speciale, ma la sorte ha giocato contro di loro. Contrariamente a quanto annunciato il tempo oggi non è davvero soleggiato, al contrario. Una pioggia potentissima sta seguendo la Dakar e di conseguenza le condizioni di sicurezza sono venute a mancare.

347 veicoli in gara per la Dakar 2016

136 moto,45 quad, 111 auto e 55 camion. Questi sono i numeri definitivi della Dakar 2016. Al termine delle verifiche amministrative e tecniche di ieri ASO ha riconteggiato tutto il gruppo dei partecipanti che ora in totale, senza calcolare i mezzi assistenza al seguito, sono 347, sette in meno del dichiarato al momento della presentazione ufficiale di fine novembre a Parigi.

Thierry Sabine: trent'anni fa diceva addio alla sua Dakar

Thierry SabineIl 14 gennaio del 1986 moriva Thierry Sabine. L'inventore della Parigi Dakar. Alle 9 di sera circa precipitava con il suo elicottero e con lui morivano altre quattro persone. Oggi ricorre il trentennale della sua scomparsa e per ricordarlo, per ripensare a lui e alle sue Dakar durissime e un po' folli, alla sua forza e al suo carisma, ma anche al suo carattere cocciuto abbiamo parlato con Marc Ducrocq che in questa Dakar 2016 è il direttore gara moto.

Franco Picco al traguardo in quad

Ventesimo assoluto, e sesto di categoria, anche se in realtà la classifica quad di questa Dakar 2016 non è poi così chiara per Franco Picco. Penalità per lui e non per altri che non hanno fatto, a differenza sua, tutte le speciale...Ma la risposta, come da allora, da quando c'era Thierry Sabine, è sempre la stessa “C'est la Dakar !”

Jun Mitsuashi, ritorno alla moto

“Tutti mi fanno la stessa domanda”. Era inevitabile perchè Jun Mitsuashi è l'unico pilota della Dakar ad essere passato dalla moto, con cui ha corso la Dakar nel 2001, 2002 e 2003, all'auto, la Toyota giapponese T2 che lo ha accompagnato in gara dal 2004 al 2015 e alla quale lui ha regalato la vittoria di categoria, T2 appunto, per ben cinque volte, per tornare poi in sella ad una moto. Ovvio che quindi nel momento in cui scende dal palco di Rosario tutti gli chiedano con cosa tornerà alla prossima Dakar, moto o auto?