347 veicoli in gara per la Dakar 2016

136 moto,45 quad, 111 auto e 55 camion. Questi sono i numeri definitivi della Dakar 2016. Al termine delle verifiche amministrative e tecniche di ieri ASO ha riconteggiato tutto il gruppo dei partecipanti che ora in totale, senza calcolare i mezzi assistenza al seguito, sono 347, sette in meno del dichiarato al momento della presentazione ufficiale di fine novembre a Parigi.

Dakar 2017: programma del primo gennaio

IMG_20161230_180736.jpgSarà un primo gennaio intenso quello del 2017. Un primo giorno importante per molti, e soprattutto per tutti i partecipanti alla Dakar 2017 che hanno un programma molto serrato da rispettare.  Le verifiche stamattina sono iniziate come sempre alle 7,30 e si sono concluse a livello amministrativo alle 9,45 e già il centro congressi sta smantellando la struttura ASO.

Dakar 2017: atterrati ad Asuncion

coda aeroporto.jpgQuando l'aereo proveniente da Madrid atterra ad Asuncion alle 7,30 di mattina, che sono le 11 e mezza in Italia, ci sono circa 33 gradi, ma è l'umidità quella che fa la differenza. Un pallido sole si affaccia da dietro le nuvole dopo un paio di giorni di pioggia. Pioggia che ha lasciato il segno perchè le strade, un po' sconnesse e ricche di buche, sono ancora invase dall'acqua.

Roberto Boasso, Honda HRC analisi della Dakar 2017

Boasso primo pianoRoberto Boasso è il team manager Honda. Arrivato a maggio nello squadrone ufficiale HRC Rally, l'ex pilota ed ex Ktm – ha lavorato al fianco di alcuni dei migliori piloti della squadra, concludendo con Toby Price ed anche Pablo Quintanilla in Husqvarna – ha investito tutta la sua preparazione nella messa a punto della moto e i risultati si sono visti in questa Dakar appena conclusa.

Sam Sunderland vince la Dakar 2017

Sam Sunderland festeggia il successo alla Dakar con la Ktm.jpgE' stato capace di andare in testa alla classifica e di rimanerci, per tanti giorni, controllando gli avversari, ma soprattutto controllando i suoi timori. Quelli che magari lo facevano passare per un ragazzo un po' sfortunato, per il quale questa gara sembrava maledetta. Ha saputo resistere e vincere, regalando alla Ktm la sua sedicesima vittoria e salendo sul gradino più alto del podio praticamente alla sua prima Dakar terminata. Bravo, Sam Sunderland.

Le Havre: 609 veicoli verificati per la Dakar 2018

IMG-20171124-WA0021.jpgCome ormai tradizione all'indomani della conferenza stampa di Parigi tutta la Dakar, piloti, meccanici e organizzazione si trasferiscono a Le Havre dove si tengono le prime operazioni preliminari della gara che si correrà nel 2018 dal 6 gennaio in Sud America, con partenza da Lima ed arrivo a Cordoba. Il porto di Le Havre accoglie da dieci anni le prime verifiche dei mezzi, tutti i mezzi, che partendo dall'Europa raggiungeranno il Sud America. Auto e moto da gara, quad, camion assistenza e in gara, vetture stampa e Tango medici, furgoni e pullman dell'organizzazione e dei principali sponsor.

Il Perù apre le porte alla Dakar 2018

Partenmza perùLa capitale del Perù si prepara ad accogliere per la terza volta la Dakar.
La prima fu in occasione dell'arrivo della competizione nel 2012, la seconda subito dopo, nel 2013, quando la partenza avvenne da Lima appunto, per la prima volta nella storia della competizione internazionale.
Oggi, dopo cinque anni, la Dakar 2018 ritorna per la sua quarantesima edizione, nonché la decima in Sud America, in Perù e di nuovo sceglie la capitale per la partenza. I peruviani sono emozionati e incuriositi da questo evento e proprio in questi giorni è in via di allestimento il Village che ospiterà per quattro giorni tutta la carovana.

Eugenio Amos unico italiano in gara quinto assoluto oggi

Eugenio AmosNon potrebbe essere più contento Eugenio Amos oggi. Quinto al traguardo di una delle tappe ad oggi più complicate di questa 40. Dakar anche se in realtà tutte a modo loro sono state davvero difficili.  Questo quinto posto ripaga tutto il suo piccolo team 2WD delle fatiche e dei sacrifici anche economici fatti per esser qui, anche se la Dakar è ancora lunga.

Amos si ritira dalla Dakar 2018

AmosErano davvero tanti anni che un italiano non saliva così in alto nella classifica della Dakar. Il quinto posto in speciale qualche giorno fa, nella quarta tappa di questa DAkar 2018,  ci aveva fatto sognare, soprattutto di fronte alle sue dichiarazioni contro la sabbia che non è il suo terreno favorito, e l'attesa invece, per le tappe argentine. Purtroppo Eugenio Amos ieri, alla prima parte della tappa marathon si è ritirato con il suo buggy 2wd.

Matthias Walkner : Austria wake up !

Walkner Dakar 2018Matthias Walkner non è uno di quei personaggi che restano nella memoria. Anzi è forse uno dei piloti moto dei rally raid meno personaggio di tutti. Parla poco, ride poco, non rischia troppo in gara e quindi i fans tendono a trascurarlo. E così lui ha vinto la Dakar. Forse per rivendicare il suo ruolo, o semplicemente la sua presenza. Lui c'è e lo ha dimostrato. Trovandosi nel posto giusto al momento giusto. Questo ragazzo austriaco è stato il primo in grado di realizzare un sogno, un grande sogno. Ha esaudito il desiderio di sempre per la Ktm, centrando un obiettivo che inseguivano da 24 anni.

Dakar 2018: una premiazione da dimenticare

podio dakar 2018 de villiersPer quanto la mia memoria vada indietro nel tempo non trova una premiazione tanto insulsa quanto quella della Dakar 2018. E' davvero impossibile, ma non solo ripensando ai podi di questa gara, ma anche di altre gare, minori. Perfino ad un regionale di enduro, senza nulla togliere a queste spesso splendide competizioni ma il paragone ovviamente si riferisce ai budget, le premiazioni sono organizzate meglio. Anzi, con più rispetto per il pilota. Ecco quello che è mancato. Il rispetto, la volontà di dare ad un pilota quello che si è guadagnato in 15 giorni di sudore, fatica, angoscia, ansia, dolore. Un semplicissimo podio con un arco.

Dakar 2019: presentata la bozza del percorso

traccia dakar 2019Il percorso della 41. edizione della Dakar, al cento per cento in Perù, è stato presentato nei giorni scorsi molto in sordina. Niente comunicati stampa, neanche sul sito istituzionale, niente conferenze, ma solo un post composto di una sola cartina sui principali Social Media. Un profilo molto basso, come da qualche settimana sta tenendo ASO, società organizzatrice della competizione che si correrà il prossimo gennaio dal 6 al 17. Il 15 luglio, negli anni scorsi, come molti ricorderanno si chiudevano le iscrizioni di moto e quad. Quest'anno forse, per un calo vistoso del numero degli iscritti non è stata ancora decisa la data di chiusura iscrizioni.

Il Cile entra a far parte del calendario WRC 2019

pubblico cileApparentemente innocua la notizia della nuova entrata del Cile nel calendario del WRC deve invece far riflettere gli appassionati di rally raid. E già perchè se il Cile, che aveva promesso alla Dakar di tornare a far parte del suo percorso nel 2020, ora ha investito le sue risorse economiche nel WRC siamo davvero sicuri che avrà di che pagare quanto chiesto da ASO per il passaggio della sua gara?