Il percorso della Dakar 2018 nel dettaglio

Cartina Dakar 2018 dettaglioC'era grande entusiasmo al termine della conferenza stampa di presentazione di Parigi, mercoledì mattina. Entusiasmo per quanto descritto da Marc Coma, direttore sportivo della Dakar a proposito di un percorso che almeno sulla carta sembra splendido e soprattutto tosto. Si sapeva che tornando in Perù le cose sarebbero cambiate e nonostante i due/tre giorni in Bolivia quello che interessa tutti in questo momento sono la sabbia e le dune del Perù. Ma ecco il dettaglio giorno per giorno della 40. edizione della Dakar.

Sainz rallentato dalle gomme, ma Peugeot è in testa

Cyril Despres vince la speciale di oggi e si porta in testa nella classifica generale della Dakar 2018. Alla luce della tripletta Peugeot, Despres, Peterhansel e Loeb in speciale oggi, si capisce come ieri il team francese, nella prima tappa vinta da Nasser Al Attiyah abbia davvero fatto strategia. Più indietro Carlos Sainz il cui copilota, Lucas Cruz oggi non è stato bene durante la speciale, come accaduto anche a Mathieu Baumel, codriver di Nasser Al Attiyah su Toyota. El Matador ha perso 13' pur chiudendo in sesta posizione nella tappa odierna oggi alla Dakar 2018, una prova lunga 267 chilometri ad anello con partenza ed arrivo a Pisco.

Dakar 2018: una premiazione da dimenticare

podio dakar 2018 de villiersPer quanto la mia memoria vada indietro nel tempo non trova una premiazione tanto insulsa quanto quella della Dakar 2018. E' davvero impossibile, ma non solo ripensando ai podi di questa gara, ma anche di altre gare, minori. Perfino ad un regionale di enduro, senza nulla togliere a queste spesso splendide competizioni ma il paragone ovviamente si riferisce ai budget, le premiazioni sono organizzate meglio. Anzi, con più rispetto per il pilota. Ecco quello che è mancato. Il rispetto, la volontà di dare ad un pilota quello che si è guadagnato in 15 giorni di sudore, fatica, angoscia, ansia, dolore. Un semplicissimo podio con un arco.