Stephane Peterhansel, versione SSV

Peter e AndreaStephane Peterhansel è sorridente e apparentemente sereno mentre sua moglie, Andrea Mayer affronta le verifiche di questo Rallye du Maroc da sola. Stephane saluta a destra e a manca, sposta il loro Yamaha YXZ 1000, si sottopone alle sessioni fotografiche. Per lui questa sarà una gara diversa dalle altre, ma comunque sempre una gara. Perchè quando si è campioni non si fanno differenze: l'obiettivo è sempre lo stesso, vincere. E sua moglie la pensa esattamente nello stesso modo.

Niente fratture per Benavides, Nasser Al Attiyah vince la tappa per le auto

Nasser MaroccoArrivano anche le buone notizie per fortuna, e anche la tempesta di sabbia si placa e lascia il posto ad una leggera pioggerellina che almeno tiene bassa la polvere. Kevin Benavides non ha riportato la frattura del femore, le radiografie lo hanno escluso e si parla solo di un grosso e profondo ematoma. Per fortuna ! I medici dicono che si dovrebbe riprendere in tempo per la Dakar, e lo speriamo davvero tutti. Per quanto riguarda le auto Bernhard Ten Brinke (Toyota) arriva a Erfoud da vincitore ma in realtà confessa lui stesso di aver saltato un wpt e quindi verrà penalizzato.