• ufficio stampa

Carmellino show, a Pragelato domenica si conferma Campione Italiano Velocità su Ghiaccio

Si è concluso nuovamente all’insegna di Ivan Carmellino l’ultimo round di The Ice Challenge, Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio 2021, andato in scena nel weekend appena trascorso a Pragelato.

Il campione valsesiano, che arrivava all’ultimo appuntamento in terza posizione di campionato, aveva bisogno di una performance strepitosa per artigliare l’ennesimo titolo tricolore ghiaccio, e così è stato. Il primo colpo di scena è arrivato già sabato sera nella sessione notturna di prove libere, quando Lukas Bicciato (Lancia Delta Proto/Mendola), leader della serie in quel momento, ha cappottato rompendo la scatola guida. Game over per lui e per papà Rudi e di conseguenza la sfida si è ridotta a un confronto emozionante tra Corrado Pinzano (Skoda Fabia R5/New Driver’s Team) e Ivan Carmellino.

Il campione uscente, portacolori della New Driver’s Team, ha fatto bene i suoi calcoli e si è iscritto a Pragelato con due vetture. Sulla Mitsubishi Lancer Evo Proto ha conquistato la Classe 8 incamerando i punti decisivi, mentre con una Skoda Fabia R5, ha sbancato la Classe 3 portando via a Pinzano i punti chiave nella lotta al titolo. Questa prestazione gli ha permesso di chiudere l’ultimo round al primo e al secondo posto, e con l’affermazione nel Master King ha così completato la giornata perfetta, alla quale si è aggiunto anche il Trofeo Luca Falco, assegnato al vincitore assoluto.

“Senza dubbio il titolo più sofferto – ha commentato Carmellino – la stagione non è partita bene, abbiamo dovuto rimontare, cambiare vettura, decidere di correre l’ultimo round in due classi. Alla fine ce l’abbiamo fatta, sono davvero felice. Devo ringraziare la Marcauto e tutto il mio staff tecnico perchè mi hanno messo a disposizione quello che serviva per vincere. Un grazie a Corrado: è andato molto forte ed è stato un avversario decisamente tosto”.

Da sottolineare proprio la prestazione di Pinzano, che al primo anno sul ghiaccio ha rischiato il colpaccio con una grande progressione e un veloce adattamento alla guida chiodata. A Pragelato ha patito una prima manche meno brillante, ma ha comunque chiuso al terzo posto, davanti a Luciano Cobbe (Kia Rio/Meteco Corse) e a una super Rachele Somaschini (Citroen C3 R5/Seandsky) che hanno completato la top five in quest’ordine.

Epilogo imprevisto per le due guest star internazionali del weekend conclusivo, Marco e Bruno Bulacia, saliti a Pragelato con una Skoda Fabia R5 (Meteco Corse) per la loro prima esperienza insieme sul ghiaccio. Dopo un ottimo avvio, dove hanno regalato spettacolo supportati da centinaia di fans boliviani collegati alle dirette streaming, hanno dovuto alzare bandiera bianca a seguito di una decisione dei Commissari Sportivi che ha rilevato un’irregolarità tecnica sulla vettura.

Bello anche l’epilogo tra le due ruote motrici che, come da pronostico, hanno visto il successo di Luca Fiorenti con la Renault Clio R3C della Leonessa Corse. Dopo il dominio in tutte le tre gare già disputate, Fiorenti aveva l’obiettivo di portare a casa il successo e lo ha fatto con grande esperienza, lasciando a Jean Claude Vallino (Opel Astra/Meteco Corse) la vittoria di gara in Classe 1, inserendosi al secondo posto davanti ad Alessandro Cadei (Citroen DS3 R3T/Meteco Corse).

“E’ andato tutto benissimo – ha commentato Fiorenti – anche più delle nostre aspettative. Siamo partiti da Livigno per divertimento, non avevamo intenzione di fare l’intero campionato, ma visto come è andata in Valtellina non abbiamo potuto rinunciare a completare il programma. Grazie agli organizzatori, indipendentemente dal mio risultato è stata una bellissima stagione”.

In Classe 2 successo per l’eroico Samuel Chenier che dalla Francia ha portato in pista una gloriosa Citroen 2CV; in Classe 4 ottima prestazione di Oriano Agostini con la Citroen DS3 N5 (Hawk Racing Team) che ha primeggiato tra i ben 9 iscritti; in Classe 5, 6 e 7 successi in solitaria per, rispettivamente, Piergiacomo Riva (Fiat Panda 4X4/Meteco Corse), Mara Capella (Lancia Delta WSC/Meteco Corse) ed Emanuele Lagrotteria (Equivoque Jeep/Meccanica Belforte) che tra l’altro ha chiuso il campionato in terza posizione assoluta. Nel Trofeo A/N vittoria di Alberto Gianoglio (Subaru Impreza/WRT), davanti a Oriano Agostini e Alessandro Pregnolato (Subaru Impreza/Eurospeed).

Da segnalare infine anche lo spettacolare Master King, la sfida uno contro uno con partenza da fermo che ha concluso il weekend. Dietro al dominatore Ivan Carmellino si è piazzato papà Silvano, con la Lancia Delta Proto (New Driver’s Team), mentre sul terzo gradino del podio è salito un grande Marco Togni (Audi A1 Proto/Eurospeed) artefice dell’unico sorpasso in pista ai danni di Lagrotteria, poi quarto.

“Dopo una stagione come questa abbiamo una grande responsabilità – ha scherzato Luca Meneghetti di BMG Motor Events – ma abbiamo avuto la fortuna del meteo, con tre weekend perfetti, il grande affetto dei piloti italiani ed esteri e del pubblico da casa. Siamo contentissimi, i numeri ci hanno dato ragione e dobbiamo ringraziare davvero tutti, compresi ovviamente i partners che ci hanno sostenuto con passione anche quest’anno. Ci crediamo e sicuramente diamo appuntamento per il prossimo anno, sempre con The Ice Challenge”.