La Dakar nuovamente in Africa ? Solo chiacchiere...

Dakar 2008 annullataIn una intervista rilasciata a Sergio Lillo su Motorsport.com, ma anche su Le Figaro, Etienne Lavigne, direttore generale della Dakar, ha accennato l'intenzione di tornare in Africa. Lasciando una terra che hanno sfruttato per più di dieci anni. Ma la situazione che il direttore generale della Dakar prospetta ha veramente poco o nulla a che fare con la realtà, e ha risposto bene, dalle pagine de Le Figarò, Jean Louis Schlesser patron dell'Africa Eco Race. Vediamo insieme perchè.

 


Dakar 2019: dieci tappe dal 6 al 17 gennaio

Poster Dakar 2019E così ora è ufficiale. Come annunciato nei giorni scorsi la Dakar si correrà a gennaio 2019 in Perù. Interamente in Perù, un solo Paese, per la prima volta nella storia della competizione che il prossimo anno compirà 41 anni. Una decisione obbligatoria e forzata come ha ammesso un Etienne Lavigne in parte scoraggiato, ma nello stesso tempo più che mai convinto che questa serie di problemi non dipendano da lui e tanto meno dalla sua società. Solo da una serie di problemi esterni legati alla crisi economica e alle scelte politiche. Il direttore sportivo? "Non è una priorità" risponde il direttore generale.

Una Dakar tutta concentrata in un solo Paese

Dakar 2018 briefingAlle ore 12 di oggi ASO, società organizzatrice della Dakar, darà l'annuncio ufficiale. E sarà la prima volta, se i pronostici verranno rispettati, che la gara si correrà in un unico Paese. Il Perù. Mai prima d'ora la gara si era disputata in una sola Nazione. Di certo non in Africa, e neanche in Sud America da quando è sbarcata, oltre oceano, esattamente dieci anni fa. La prima edizione si corse fra Argentina e Cile e poi entrarono a far parte del gruppo anche Perù, Bolivia, Paraguay. Ma perchè tutti i Paesi hanno girato le spalle all'organizzazione francese? E' davvero solo un problema di soldi?

Dakar 2019: il grande mistero !!

Bolivia no dakarCaos più totale sulla Dakar 2019. Non c'è ancora un percorso ben definito. Non c'è ancora un direttore sportivo che prenda il posto lasciato vacante da Marc Coma ora e da David Castera prima. E per questo non si aprono oggi le iscrizioni - mentre si apriranno per altre gare, per esempio l'Africa Eco Race, che ha anche già presentato il percorso 2019 in un comunicato - e le conferenze stampa Dakar 2019 sono state tutte rinviate a data da destinarsi.

Croatia Rally-Dalmatia 2018: ancora 5 giorni al via

recos croatiaMancano solo cinque giorni alla partenza della sesta edizione del Croatia Rally che prenderà il via proprio domenica 20 maggio con il tradizionale prologo tracciato fra le vigne poco lontano da Primosten. La gara, che si correrà dal 20 al 26 maggio con l'organizzazione della TRX The Raid Experience, quest'anno racchiude molte sorprese e novità e Marco Borsi sta proprio, in questi giorni, ricontrollando il road book e affrontando le ultime ricognizioni del percorso.

Regolarità d'epoca: una due giorni spettacolare

DSC_0034.JPGMentre sulla costiera Amalfinata splendeva il sole sbeffeggiando le colline da cui si riusciva addirittura a vedere il mare, Giffoni e tutta la Comunità Montana dei Colli Picentini sono rimaste avvolte per tutta la seconda giornata di gara in una coltre di nubi. Senza pioggia per fortuna e così i tre giri previsti di gara per la quarta prova del Campionato Italiano FMI Gruppo 5 si sono potuti svolgere come da copione. Prepezzano, frazione di Giffoni Sei Casali, ha salutato i 171 partenti alle 8,30 ed al loro rientro in parco chiuso il Moto Club Salerno ha fatto trovare un pranzo tipico, con tanto di caciocavallo e pane casereccio, che ha rinfrancato e ricaricato tutti i partecipanti.

Niente sole ma tanto spettacolo nella prima di Giffoni, Gruppo 5 FMI

DSC_0021.JPGUna giornata piena di nuvole ma per fortuna non piovosa ha accolto a braccia aperte i 184 piloti del Campionato Italiano FMI Gruppo 5 a Prepazzano, frazione di Giffoni Sei Casali. La provincia di Salerno ha di nuovo ospitato l'enduro, questa volta la Regolarità d'epoca, e lo spettacolo non è mancato con due belle prove speciali che fin dalla mattinata hanno impegnato non poco tutti i piloti.

Ricco bottino austriaco al Krka Enduro Raid 2018

DSC_0178.JPGE' decisamente l'Austria la nazione che ha dominato quest'anno l'ottava edizione del Krka Enduro Raid, conclusosi ieri a Primosten ed organizzato dalla TRX Raid Experience. I piloti austriaci hanno conquistato tutte le prime posizioni nelle quattro diverse classifiche e se non fosse stato per tedeschi e polacchi, i nostri vicini di casa si sarebbero portati via tutte le prime tre posizioni delle classifiche.

Rallye du Maroc: iscrizioni aperte

Logo MaroccoE' arrivato il primo momento importante della storia del nuovo Rallye du Maroc, da fine 2017 nella mani di David Castera e della ODC. Dal 5 di aprile è possibile iscriversi al rally che si correrà dal 4 al 9 ottobre ed anche alla nuova Trail Desert Challenge prevista per gli stessi giorni ma riservata ad un pubblico di amatori con moto non da gara ma da fuoristrada. Ecco nel dettaglio come fare per iscriversi.

Trail Desert Challenge, che cos'è?

David intervistaSi sono aperte il 5 aprile 2018 le iscrizioni per il nuovo Rallye du Maroc che si svolgerà dal 3 al 9 ottobre. Acquistato dallo ODC dopo dieci anni di gestione NPO, Emma e Stephane Clair cioè, il rally sta subendo importanti variazioni ad opera di David Castera che ne è direttore generale. L'ex pilota enduro, nonchè direttore sportivo della Dakar e copilota di Cyril Despres alla Peugeot, proprio in questi giorni è impegnato in Marocco nelle prime ricognizioni di una gara che subirà grosse e profonde trasformazioni. Prima di tutto, oltre al rally, ci sarà anche una sorta di raid, denominato però Trail Desert Challenge. Di che cosa si tratti esattamente lo abbiamo chiesto direttamente a Castera.

 


Fausto Vignola non c'è più.

Vignola a PiscoSe n'è andato in un pomeriggio di fine marzo. A pochi giorni dalla Pasqua. Mentre si allenava per quel Merzouga Rally che tanto gli stava a cuore. Perchè dopo la Dakar adesso ci aveva preso gusto questo ragazzone ligure e i rally raid gli piacevano. Un gran bel po' ed era di nuovo pronto a partire. Quasi una pausa in mezzo a mille feste, quelle organizzate per loro, Fausto Vignola e Maurizio Gerini, al rientro dalla Dakar. Portati in trionfo come eroi, quelli belli, quelli semplici, quelli umili, che piacciono a tutti. Per questo il dolore della sua scomparsa oggi è ancora più forte.


Regolarità d'Epoca FMI: a Manzano conferme e sorprese

epoca manzanoUna bella giornata di sole ha accolto i 288 piloti del Gruppo 5 a Manzano(Ud) per una gara bella, ben organizzata e divertente. Quando alle 16 circa i piloti sono rientrati in parco chiuso, al centro polisportivo messo a disposizione dal Comune e tirato a lucido, con tanto di moto storiche esposte al suo interno, tutti hanno concordato sulla buona riuscita dell'evento e l'ottima organizzazione.

Regolarità d'epoca FMI: che fatica a Diano Marina !

Parco Chiuso Gruppo 5Non poteva essere più difficoltoso l'inizio del Campionato FMI Gruppo 5 Regolarità d'Epoca. E i suoi 245 piloti non potevano davvero essere sottoposti ad una gara più stressante e pesante.
Per questo, la soddisfazione di aver portato a casa la gara con tre prove speciali disputate su un totale di cinque non potrebbe essere maggiore. Tagliare e accorciare una prova di Campionato dispiace sempre, è ovvio, ma riuscire a chiuderla mentre per esempio in tutta la Toscana un allerta meteo costringeva ad annullare ogni evento sportivo motoristico è davvero un ottimo risultato.

Trophée des Nation 2018 : il regolamento

Claudio TerruzziSarà una gara unica nel suo genere. Di quelle come non se ne vedono più. Riservata alle moto d'epoca ma solo su invito, a discrezione del suo organizzatore, Claudio Terruzzi.
Il Comune denominatore si chiama invece Augusto Taiocchi, il Capitano della nostra nazionale azzurra che vinse con lui ben tre edizioni di seguito della Sei Giorni, nel 1979, nell'80 e nell'81.

Trophée des Nations 2018 - Onore al Capitano

Sarà l'evento motociclistico dell'anno. L'enduro Vintage per eccellenza perchè eccellenze saranno coloro che lo correranno. Lo scorso anno avevano partecipato i piloti italiani, quest'anno invece i concorrenti arriveranno da tutto il mondo. Piloti che hanno corso agli ordini, o in squadra, con il Capitano, Augusto Taiocchi, in un periodo che si ferma al 1987. Obbligatoria la moto d'epoca che tutti gli italiani coinvolti metteranno a disposizione degli stranieri partecipanti.Taiocchi 2017

David Castera torna ad organizzare : Rally del Marocco

Marocco 2018Non ha tralasciato nulla David Castera e come vero uomo di marketing ha inviato a tutti il primo comunicato sulla sua nuova gara proprio durante la giornata di riposo della Dakar 2018, mentre eravamo tutti a La Paz. "Sapevo dove trovarvi" ha scherzato il francese, per dieci anni al servizio di ASO come direttore sportivo e negli ultimi tre al fianco di Cyril Despres alla Peugeot. Aveva voglia di fare qualche cosa di nuovo Castera e di rimettersi in gioco e ha scelto di farlo nel migliore dei modi. Insieme ad un socio a rilevato l'OiLibya Rally da NPO e piano piano lo sta trasformando. E in mente ha veramente un sacco di belle idee !

Marc Coma ringrazia e se ne va da ASO

Marc ComaNe avevamo parlato tanto con piloti, team manager, meccanici e giornalisti durante e dopo la Dakar 2018. Anzi era uno dei principali argomenti di discussione. Ma Marc Coma che farà? In molti avevano dimenticato che il catalano aveva firmato un contratto di 3 anni con ASO e che questo 2018 sarebbe stato l'ultimo e così i commenti si sprecavano. "Vedrai che rinnova" dicevano in molti, attribuendo forte importanza allo stipendio che ASO riconosceva a Coma. Stipendio che in realtà non si è mai saputo e quindi...Ma io avevo il sospetto, e l'ho detto a molti, che Marc invece se ne sarebbe andato. Perchè ASO e la sua politica, semplicemente, non facevano per lui...e così è stato.