top of page
  • Immagine del redattoreRedazione

Giornatona all'insegna di Loeb. Chiude secondo dietro Al Attiyah per soli 35". Schareina in testa fra le moto.

Su una speciale che si deteriora e viene interrotta alle 14,30 di nuovo i colpi di scena arrivano dalle penalità. Vince Al Attiyah ma Sebastien Loeb gli alita sul collo. Fra le moto maestoso Buhler che vince con la Hero per la prima volta una tappa di W2RC.

Sono bastati meno di trenta chilometri stamattina a Sebastian Buhler - team Hero - per portarsi in testa della speciale da 166 chilometri, unica della seconda tappa. Il tedesco era partito sesto ma al primo controllo dopo 29 chilometri si presentava in testa, tallonato da Adrien Van Beveren (Honda) e Bradley Cox (KTM), e restava ben saldo nella sua posizione di comando fino al traguardo dove arrivava con un complessivo di 1h.47'59". Alle sue spalle il francese della Honda a 1'09" e il portoghese Bruno Santos su Husqvarna staccato di 1'58".

Dopo una partenza ritardata di un'ora per le moto per colpa di una fastidiosa nebbia, i primi piloti si erano trovati davanti a una tappa di circa 200 chilometri di cui 166 di prova speciale e il resto di trasferimento sempre con partenza e arrivo da Grandola. Invischiati nella battaglia per le prime posizioni anche Lorenzo Santolino (Sherco) che era partito dalla seconda posizione e Skyler Howes (Honda) che ancora non si è completamente ristabilito da una stagione 2023 che lo ha visto infortunato in più di qualche occasione, oltre a Tosha Schareina, partito dalla prima posizione stamattina alle 9.

Anche per le auto la partenza della seconda tappa ha subito uno scivolone con 45 minuti aggiunti all'orario prestabilito e al primo controllo, al chilometro 29 appunto, toccava al sud africano Saood Variawa (Toyota), diciotto anni, debuttante alla Dakar di gennaio, staccare il tempo migliore mettendosi alle spalle giusto un paio di mostri sacri: Guerlain Chicherit (Toyota) scattato dalla prima posizione era secondo davanti a Nasser Al Attiyah (Hunter Prodrive) terzo e ad Al Rajhi (Toyota), quarto. Dopo meno di venti chilometri cominciavano i primi colpi di scena: protagonista del primo era Chicherit, fermo per un problema meccanico e fortemente in ritardo sugli avversari dopo la ripartenza dal chilometro 48. Un ulteriore stop trenta chilometri dopo convinceva il francese a cedere e a rientrare al bivacco via strada mentre gli altri continuavano a battagliare. Ad aggiungersi alla lotta anche Sebastien Loeb che ha capito, in meno di ventiquattro ore, come domare il Toro Selvaggio del team BBR/Red Bull Off Road e ha chiuso la giornata a soli 35" dal vincitore. A proposito, a vincere è stato Nasser Al Attiyah che insieme a Edouard Boulanger ha ottenuto un 1h.47'21"passando in testa solo...al bivacco. Il vincitore della giornata infatti, il giovanissimo sud africano Variawa, all'arrivo si vedeva rifilare la bellezza di trenta minuti di penalità per un eccesso di velocità e in questo modo precipitava in 50. posizione, dopo aver vinto con un vantaggio di 26" su Al Attiyah. Alle spalle di Loeb a fine giornata Yazeed Al Rajhi staccato di 1'11" dal primo e a soli 37" dal saudita c'è uno strepitoso Joao Ferreira con la Mini JCW di X Raid che oggi si è tolto la soddisfazione di battere il suo compagno di squadra, Carlos Sainz, per 46".

La classifica generale delle 4 ruote vede ora in testa il qatariota con 20" di vantaggio su Al Rajhi e 2'30" su Sainz che balza in terza posizione assoluta. Quarto per due secondi Ferreira che precede Loeb, primo T3 in classifica con la sua Taurus, staccato di sette secondi dal portoghese. Tredicesimi a fine giornata Amos-Ceci su Toyota e ora in classifica generale occupano la 15. piazza mentre Rebecca Busi ha chiuso 48esima assoluta, undicesima di categoria, e in classifica assoluta è nona di T4, insieme al suo copilota, Sergio Lafuente.

La classifica generale delle moto vede in prima posizione lo spagnolo Schareina (Honda) con un vantaggio di 2'56" su Buhler e 4'17" su Howles (Honda). Lorenzo Santolino è quarto a soli 13" dall'americano.

Domani terza tappa, nella speranza che si riesca a disputare una speciale senza problemi : oggi la prova è stata interrotta verso le 14,30 date le disastrose condizioni del terreno - colpevole la pioggia caduta copiosa nei giorni scorsi - e i piloti che ancora si trovavano all'interno del percorso- solo i primi sessanta avevano già finito - si sono visti affibbiare un tempo stimato uguale per tutti.

Comentarios


Post: Blog2 Post
bottom of page