• ufficio stampa

A Graffignano esordio con vittoria per Mirko Gritti nel Campionato Italiano Enduro Major

In una domenica avvolta da un freddo invernale e battuta da un gelido vento si è svolto, nel cuore della Tuscia, a Graffignano (VT), il primo round della stagione venti ventuno del Campionato Italiano Enduro Major. La gara, come tutte quelle svolte finora, ha visto al vi aun numero altissimo di piloti: la perfetta macchina organizzativa del Moto club Graffignano 1989 ha accolto i 338 piloti in un grande piazzale di fronte alla piscina comunale, dove è stato allestito il paddock, la segreteria di gara e subito accanto parco chiuso e partenza.

La prima manifestazione del Campionato Italiano dedicato ai nati dopo il 1986 ha preso il via con lo svolgimento delle verifiche tecniche ed amministrative, a partire dalle ore 12 di sabato 20, ed è entrata nel vivo domenica 21 con partenza avvenuta alle 8,30 sotto un cielo terso ma spazzato da un forte vento gelido. Ottimo lavoro quello svolto dagli uomini capitanati da Andrea Biagini meritevoli di aver presentato una gara molto bella con un giro a forma di otto, da 53 km, all’interno del quale erano presenti due speciali. Nel primo settore, dopo la partenza, gli enduristi hanno trovato un polverosissimo Cross Test Just1, disegnato in una cava dismessa con un terreno misto tra brecciolino riportato e sabbia mentre, la seconda speciale di giornata è stata l’Enduro Test, inserita nel secondo anello del giro e caratterizzata dal classico sottobosco con presenza di radici.

Impeccabile anche il lavoro svolto dai volontari che hanno garantito il rispetto delle norme anti-Covid19 sia all’interno del paddock sia a bordo speciale dove non si sono registrati assembramenti.

A trionfare, per la prima volta nel tricolore Major, è stato il figlio d’arte Mirko Gritti (Husqvarna) - nella foto - che fin dal primo giro ha ingaggiato un'emozionante battaglia con il veneto, pluricampione italiano, Diego Nicoletti (GASGAS Gabrielli). I due esperti piloti si sono giocati l’assoluta di giornata fino all’ultima PS e a separarli, all’uscita di quest’ultima, sono stati solo 82 centesimi di secondo!

Lotta sul filo del rasoio anche per la terza piazza assoluta tra Vanni Cominotto (Fantic Motor) e Roberto Rota (KTM Sissi Racing) con quest’ultimo che ha avuto la peggio nei confronti dell’ex pilota della nazionale. Nella 250 2T Master i tre migliori riders di questa seconda prova sono stati Alessandro Rizza (KTM) vincitore, Enrico Lorenzin (Husqvarna) secondo e Riccardo Chiappa (Husqvarna) terzo. Nella 300 Master a imporsi a Graffignano è Matteo Zecchin (Sherco) che si mette alle spalle Christian Natta (Beta) e Samuele Dottori (KTM) mentre nella 250 4T Master parte bene Stefano Geronzi (TM) che precede Stefano Dogliotti (GASGAS) e Andrea Pellegrini (Husqvarna).

Primo successo stagionale per Tommaso Lilli (KTM) nella 450 Master; il pilota del MC Pegaso precede Damiano Incaini (KTM) e Oscar Barbieri Carioni (GASGAS). Passando nelle classi Expert, ad aggiudicarsi la 250 2T è Paolo Caciotti su KTM che vince mettendosi alle spalle Alberto Teofili (KTM) e Luigi Cogato (KTM). La 300 Expert porta la firma di Simone Ciuti (Beta), dietro di lui a completare il podio Francesco Sibelli (KTM) e Carmelo Mazzoleni (KTM). Daniele Tellini (GASGAS) si impone nella 250 4T Expert con quasi un minuto di distacco su Ronni Marconato (KTM) e Paolo Dalla Zuanna (KTM). La 450 Expert è affare di Luca Politanò (KTM) che ha la meglio su Stefano Bertolazzi (Husqvarna) e Diego Liciarelli (KTM).

Vittorie comode nelle classi Veteran e Superveteran: nella Veteran 2T è Simone Girolami su KTM 150 a vincere mettendo alle spalle Davide Marangoni (KTM) e Riccardo Giannettoni (Beta) mentre nella 4T il primo classificato è Andrea Prataiola (Beta) su Mirko Silvestri (Sherco) e Fabio Romaniello (KTM). La Superveteran 2T va a Danilo Plando (Husqvarna), che s’impone con 21 secondi di vantaggio su Ubaldo Mastropietro (KTM) e con 22 secondi su Stefan Schrock (Husaberg) mentre nella Superveteran 4T trionda Fabrizio Hriaz (GASGAS) su Alessandro Vaccari (KTM) e Paolo Bartorello (Beta). Sfide avvincenti nelle classi Ultraveteran dove conquistano il gradino più alto del podio Renato Pegurri (Husqvarna), nella 2T, per soli 2 secondi su Lucio Chiavini (Beta) e un minuto su Gianfranco Occelli (Beta), e Sergio Bazzurri (Husqvarna), nella 4T, con un vantaggio di appena 86 decimi di secondo su Fabio Binetti (KTM) e di 5 secondi sul terzo Massimo Chiesa (KTM). Nell’attesissimo appuntamento con il Challenge KTM Major vincono la prima prova Tommaso Lilli, su KTM 450, la classe Major e Simone Girolami, su KTM 150 2T, la classe Veteran. Come per la prima prova di Under23, tra i Team indipendenti si classifica primo il GASGAS Sissi Racing e il MC Ragni Fabriano la fa da padrone tra i Moto club, vincitore davanti al moto club Gaerne e al Caerevetus, rispettivamente secondo e terzo. L’appuntamento con il tricolore Major sarà il 23 maggio a Montecalvo Irpino (AV) per il secondo appuntamento del 2021!

 

Modulo di iscrizione

©2020 di worldrallyraid. Creato con Wix.com