• Redazione

Africa Eco Race 2022, tutto il programma in Europa, prima di imbarcarsi

Si apriranno venerdì 14 ottobre le operazioni preliminari della 14. edizione dell’Africa Eco Race che prenderà il via il 15 ottobre da Montecarlo e terminerà sul Lago Rosa, in Senegal, il 30 dello stesso mese.

È di poche ore fa purtroppo la notizia della rinuncia di Nicola Dutto costretto a ritirare la sua iscrizione e quella del team per qualche problemino di salute: il Covid nonostante la soglia di pericolosità si sia abbassata, resta sempre in agguato con la sua contagiosità e Nicola purtroppo ha dovuto pagare un prezzo troppo caro al virus che lo ha costretto a rinunciare a questa nuova, bella avventura. Ci ha sperato fino all’ultimo minuto ma ha dovuto poi arrendersi e dichiarare forfeit ma ha già confermato la sua presenza insieme a tutta la squadra all’edizione 2023 di marzo. La macchina organizzativa però non si ferma e va avanti con l’allestimento del parco assistenza e della sala che ospiteranno tutte le operazioni preliminari. Le verifiche per gli italiani si apriranno alle 9 allo Stade Rondelli di Mentone, in Quai Gordon Bennett, e sarà proprio l’armata dell’Orobica Raid Team a presentarsi per prima davanti ai controlli amministrativi. A seguire sarà la volta del team RS Moto di Simone Agazzi con Stefano Chiussi e Francesca Gasperi e dopo di loro sempre nella fascia oraria compresa fra le 9 e le 10 ci saranno anche Giuseppe Pozzo, Francesco Puocci, Salvatore Di Benedetto. Tutti gli altri via via seguiranno alle 10, alle 11 e fino alle 14, orario previsto di presentazione per Lucio Belluschi e Wolfang Piccardo.

Una volta terminate le amministrative tutti i concorrenti si porteranno al capannone allestito appositamente per le tecniche, a ridosso del parco assistenza, entro un tempo prestabilito, e controlleranno i loro mezzi insieme ai commissari sportivi montando in via definitiva quella strumentazione che dopo un paio di giorni diventerà per loro essenziale. A fine verifiche i mezzi verranno portati a Montecarlo dove resteranno in bella mostra fino alle 19, quando ogni pilota ritornerà padrone della sua moto, del suo SSV, del suo camion o auto e sfilerà sul palco di partenza per la cerimonia ufficiale commentata sia in francese sia in italiano in rispetto dell’alto numero di italiani presente. Il palco sarà allestito a Quai Antoine 1° proprio accanto alla famosissima curva della Rascasse del Gran Premio di Formula 1 di Montecarlo.

Lo Stars’N’Bars di nuovo sarà il punto di incontro e aggregazione principale della serata – dalla sua terrazza si potrà liberamente assistere alla partenza - che si concluderà con il rientro a Mentone.

La mattina dopo di buon’ora la carovana del rally lascerà Mentone diretta a Sete dove dalle 15 sarà allestito un CO, controllo orario, al porto appositamente per la AER onde controllare che tutti siano pronti a salire sulla nave GNV che li porterà a Nador dove sbarcheranno poco prima dell’alba il 18 ottobre. Durante il viaggio in nave i piloti avranno modo di conoscersi e di creare quella convivialità che rappresenta l’essenza dell’Africa Eco Race, ma assisteranno a parteciperanno anche al briefing e agli stage formativi sull’uso della strumentazione.

Una volta sbarcati a Nador, dopo le formalità doganali, all’entrata del porto troveranno il primo C.O. in terra africana e sarà in quel momento che partirà la gara. La prima tappa di 605,18 km prevede un trasferimento di circa 100 chilometri prima di entrare nella prima PS del 2022, lunga 93,97 chilometri con un trasferimento finale, fino al primo bivacco, a Bousaid, di circa 400 chilometri.

E sarà la prima delle 12 previste in Africa: 5 in Marocco, 5 in Mauritania e due in Senegal.